Lunedì 10 Dicembre 2018, 01:41

Letizia Caiazzo racconta la sua “Armonia tra le Arti”

Autore: Nicola Caroppo | Pubblicato Giugno 2016 in Attualità

Vico Equense: Grande successo di pubblico per il V Meeting Arte Cultura Turismo tenutosi dal 15 al 18 maggio nella splendida cornice del Grand Hotel Moon Valley e curato da Letizia Caiazzo, artista e presidentessa dell’Associazione Ars Harmonia Mundi, in collaborazione con il critico d’arte Carlo Roberto Sciascia.

Giuseppe Alessio, Massimo Di Febo, Marinka, Violetta Mastrodonato, Raluca Misca, Marcello Specchio, Gabriella Pucciarelli, Maria Grazia Tarulli, Barbara Yulak Roos e la stessa Letizia Caiazzo sono gli artisti che hanno reso unica la kermesse confrontandosi sul tema significativo “Vico Equense nei Colori e nell’arte”. Per tutti loro il meeting è stato un’importante esperienza di lavoro in estemporanea, a contatto con il pubblico, nonché un prezioso “ workshop” di idee grazie all’attenta partecipazione degli alunni dell’ IC Costiero che, coordinati dalla dirigente Debora Adrianopoli, hanno partecipato all’iniziativa “L’arte incontra la gente”. Ma il meeting ha avuto anche un respiro internazionale grazie alla presenza della scrittrice Rosanna Rivas, ambasciatrice dell’International University of Peace Switzerland e presidente della Universum Academy Switzerland per la Campania. Si è inoltre creata una vera sinergia tra le arti con le esibizioni musicali in duo di Francesca Maresca (voce) e del maestro Donato di Meo (pianoforte) “New Psicology Music” e di Rosalba Spagnuolo (voce) e Francesco Cesarano (chitarra). Hanno fatto seguito momenti di alta poesia regalati dai preziosi interventi di Ilde Rampino e Anna Bartiromo. Non ultimo, si è dato spazio anche alla danza grazie alla splendida esibizione dell’Associazione “Dance Studio” di Raffaella Pandolfi composta daL M° Enzo Padulano, e dalle ballerine Manuela Cannavale, Adele Pellecchia, Valentina Bozzaotra, Maria Elena D’Esposito, Ilaria D’Esposito.
Nel raccontarci questa V edizione la sua curatrice, Letizia Caiazzo (nella foto), artista attenta alle tendenze espressive contemporanee, afferma soddisfatta:
<<Il Meeting è ogni anno una sfida diversa, ma sono davvero meravigliata di aver avuto tanti consensi positivi dagli artisti che hanno partecipato all’iniziativa, dalle istituzioni nella figura del Sindaco di Vico Equense, Avv. Benedetto Migliaccio, dalla direzione dell’albergo che ci ha calorosamente ospitati e dalla dirigente Debora Adrianopoli >>. 

Che emozioni hai provato quando hai saputo di aver vinto la Biennale di Roma 2016 insieme a quattro degli artisti presentati dalla tua Associazione Ars Harmonia Mundi alla mostra di selezione di C/Mare di Stabia tenutasi a settembre scorso alla Reggia di Quisisana?

Innanzitutto è stato certamente un grande successo, per gli artisti e ovviamente per me. Le emozioni sono state tante e grandi, condivise con gli artisti Raluca Misca, Jerusa Battista Da Silva, Paola Paesano e Massimo Petrachi. Letizia, oltre ad essere curatrice, sei un’artista che trae intima ispirazione dai suoi luoghi natali e non, quanto tutto ciò si riflette nei tuoi eventi? L’arte accomuna e mette in relazione luoghi e universi lontani, è inutile dire che la penisola sorrentina è un luogo magico che sempre si riflette su ciò che creo e mi aiuta tantissimo ad esprimermi. 

Quest’anno il tema era Vico Equense nei colori e nell’arte. Quanto hanno contribuito le varie espressioni artistiche dalla danza alla poesia alla musica passando per le arti visive al racconto del territorio?

Tutte le discipline artistiche, si compensano a vicenda, una non può esistere senza l’altra. L’arte è completa solo se è a tutto tondo, per questo riunisco in un unico contenitore espressioni, media e discipline differenti. Vico Equense, sotto questo profilo, offre squarci naturali stupendi, architetture e opere d’arte eccellenti. Tutto ciò ingentilisce l’animo e induce a rispettare l’ambiente una delle ragioni per cui abbiamo deciso di coinvolgere molti giovani nel nostro Meeting.
Tanti ospiti e il comune legante dell’arte e della voglia di condividere le proprie idee e le proprie esperienze; in che direzione si muove l’arte oggi?
Penso che l’arte contemporanea sia in grande rinascita, ma bisogna dare più attenzione e spazio ai giovani, alle nuove idee e soprattutto ai nuovi talenti. La vera arte deve essere considerata a prescindere dal business economico e promuovere i veri talentuosi.

Possiamo anticipare qualcosa dei prossimi appuntamenti? Cosa aggiungeresti o cambieresti a questo contenitore che sembra già funzionare a meraviglia?

Aggiungerei sempre delle cose innovative come una continua ricerca del territorio e un ricambio di artisti a avere più disponibilità il mio sogno è invitare una personalità di spicco ogni anno. L’arte ci spinge tutti a superare il blocco di vivere, il vuoto, l’apatia e sperimentare con verità, nel bene e nel male.