Martedì 11 Dicembre 2018, 13:10

Comportamenti al cinema, al teatro e ad eventi culturali

Autore: Pietro Aiello Cilento D'Altavilla | Pubblicato Ottobre 2016 in Attualità

Oscar Wild affermava: “Esistono due modi per non apprezzare l’Arte. Il primo consiste nel non apprezzarla. Il secondo nell’apprezzarla con razionalità” e scarsa educazione, aggiungeremmo noi. Cito questo aforisma per ricordare che anche l’arte, nelle sue molteplici espressioni, come del resto ogni momento della nostra vita, può essere vissuta e condivisa con “galateo”. Nella nostra rubrica, che da tempo cerca di suggerire a voi attenti lettori quelle che sono le primissime regole da osservare e rispettare in pieno durante le diverse occasioni, oggi abbiamo deciso di avvicinarci ad un tema apparentemente antico, ma che invece risulta essere più contemporaneo che mai. Mostre d’arte, teatro, cinema: chi non si è trovato o pensa di trovarsi in questi luoghi almeno una volta nella propria vita? Se nel passato l’accesso a teatro o a vernissage all’interno di Gallerie d’Arte erano eventi riservati a pochissimi eletti appartenenti a classi sociali più sofisticate, oggi non è più così. Certo, continuano ad esserci eventi esclusivi ad invito e in tal caso è davvero importuno cercare di imbucarsi o presentarsi sotto falso nome, ma in generale la possibilità di poter assistere ad una commedia, a un balletto o a un’opera lirica non è negata proprio a nessuno.

Benchè il cinema sia molto diverso dal teatro (gli spettacoli si susseguono a ritmo continuo nel corso della giornata e l’atmosfera è decisamente informale) questa forma di spettacolo non è esime dalle buone maniere. Quanto vi darebbe fastidio se a spettacolo già iniziato arrivasse gente a disturbarvi perché deve occupare i posti davanti a voi o alla vostra destra, costringendo un’intera fila a scomodarsi? In realtà in tutte le sale di cinema si può entrare a spettacolo iniziato (pur non condividendola è comunque una scelta libera, che siete legittimati a fare o a non fare) e perciò maggiore dovrà essere la vostra buona creanza. Oltre al ritardo, da me rigorosamente ammonito, ci sono altre regole da rispettare in tali circostanze, come lo spegnimento del cellulare (perché non dà fastidio solo la suoneria, ma anche la luce dello schermo) o l’evitare i vari commenti su ciò che si sta guardando. Se credete che tutto sia lecito nel buio della sala, vi sbagliate di grosso. Dibattiti e discussioni con chi vi sta vicino, sono da abolire anche durante i momenti di pausa nel caso in cui decideste di trascorrere questi pochi minuti in sala e non nel foyer.

Avete deciso che per trascorrere una serata diversa andrete a teatro con una coppia di amici? Ottima idea. Ricordate, però, che se si tratta di una première, l’abbigliamento dovrà essere elegante e molto prezioso per le donne e scuro per gli uomini, mentre se la scelta è ricaduta su uno spettacolo da cartellone, è gradita l’eleganza ma “senza troppi fronzoli”. È inoltre necessario seguire una regola nella sistemazione dei posti: la donna va sempre nella parte interna rispetto all’uomo, così in caso di coppie le appartenenti al gentil sesso saranno sedute una accanto all’altra, avendo alle estremità opposte i loro cavalieri. Quest’ultimi precederanno le loro dame all’entrata al fine di reggere la porta, sederanno dietro nel caso in cui ci si trova in palco e non in platea ed entrambi avranno cura di lasciare cappotti, guanti, sciarpe ma soprattutto i cappelli al guardaroba.

Gli applausi? Non siate indifferenti, ma evitate di esagerare. Se al cinema è possibile sgranocchiare dei gustosi pop corn bevendo una bibita, senza far rumore, a teatro tutto questo è severamente bandito. Movimenti inusuali o trambusti, sarebbero quantomeno villani e scortesi nei confronti di coloro che hanno pagato il biglietto e disturberebbero gli attori, che sul palco stanno concedendo il meglio di se stessi e meritano la piena considerazione del pubblico pagante. Lo spettacolo va seguito al meglio in un silenzio quasi “religioso” come si conviene ad un evento che deve comunque attrarre tutta la nostra attenzione.

Durante la visita ad una Galleria d’Arte, è bene arrivare avendo una conoscenza base sull’autore, non sostare troppo davanti la stessa opera ma soprattutto: “evitate di scattarvi dei selfie con alcune opere d’arte come se fossero delle star in carne ed ossa”.