Sabato 15 Dicembre 2018, 07:28

Abito da sposa... Cercasi!

Autore: Fiorella Ilardo | Pubblicato Novembre 2015 in Bellezza e Moda

Sì, l’abito è particolarmente importante, perché ha l’obbligo di rendere perfetta la protagonista della cerimonia.
Per ogni fisico esiste un abito perfetto, ma nella delicata fase della scelta non si può non tener conto della stagione galeotta del fatidico “sì”.
Per ogni mese dell’anno esistono tipologie di abiti da indossare che si differenziano per modelli e tessuti, piccoli ma essenziali accorgimenti che renderanno la sposa raffinata e indimenticabile.
La parola d’ordine è:”tutto in sintonia”.

Autunno: romantica e principesca è la sposa che attende di pronunciare il suo eterno mentre cadono le foglie. È preferibile scegliere un abito con maniche a ¾, un’ampia gonna e richiami in pizzo. Sì alle trasparenze, intramontabili armi di seduzione.

Inverno: per chi attende il suggestivo scenario che offre la neve per incamminarsi all’altare, è preferibile scegliere un abito da un tessuto più pesante, ad esempio il mikado in seta, o prediligere un abito dalla manica lunga, in pizzo magari, non rinunciando così a classe e raffinatezza. D’altra parte nessuno vieta di scegliere tessuti leggeri da arricchire con uno scialle o qualche altro capo di abbigliamento in sintonia con il vestito.

Primavera: floreale e colorata la sposa di questo periodo. Se è la stagione avete scelta per le nozze, la manica corta è perfetta per questo periodo. Si può optare per un abito con taglio a sirena o un abito effetto nuvola.

Estate: In questa calda stagione l’ideale è scegliere tessuti freschi e leggeri, come la seta o il tulle, prediligendo abiti senza maniche, vaporosi o che esaltano la silhouette del corpo. Si può arricchire l’abito aggiungendo semplici dettagli, come pietre preziose, così da dare un tocco brioso al completo.

Non di rado capita che prima ancora della sposa, a venir notato e apprezzato è l’abito stesso. Per questo motivo è importante avere tempo a disposizione per sceglierlo accuratamente senza rinunciare all’armoniosa equazione “gusto-stile-momento”.
Pronta per la scelta?