Sabato 28 Maggio 2022, 18:15

L’autunno in cucina La ricetta di Donna Rita

Autore: a cura di Rita Paciello | Pubblicato Ottobre 2021 in Cucina

“L’estate sta finendo…” cantavano i Righeira, ed infatti da pochi giorni l’equinozio d’autunno ha sancito la fine della stagione estiva, per molti una buona notizia, per altri un po’ meno.
Le giornate più corte, i primi freschi, gli alberi si spogliano, tutto questo può portare a pensare che l’autunno sia sinonimo di declino, decadenza, ma credetemi l’autunno è tutt’altra cosa.
Frugando tra le reminescenze della mia vita scolastica, l’etimologia della parola autunno è da ricollegarsi al verbo latino “augere” che significa aumentare, accrescere, e la radice “au” esprime l’idea di saziarsi, di godere. Quindi l’autunno è una stagione ricca di prodotti, frutto della natura e del lavoro dell’uomo, è in questa meravigliosa stagione che si raccoglie l’uva per la vendemmia, le olive per fare l’olio.
La natura è bellissima si tinge di colori caldi e di tonalità accese, si veste di profumi di bosco, pensiamo agli appetitosi funghi, ai cachi, ai fichi, alla melagrana, tutti alimenti versatili e dalle mille sfumature che possono far nascere piatti appetitosi e fantasiosi, con i quali anch’io mi cimento nella preparazione di piatti succulenti per i miei ospiti al WINE BAR OFFICINA 82.
Anche se la regina indiscussa dell’autunno resta sempre la zucca. Questo nutriente ortaggio è uno dei primi, insieme ai pomodori e le patate, ad essere stato importato in Europa, in seguito alla scoperta dell’America.
Da bambina sognavo anch’io una zucca che si trasformasse in carrozza come quella di Cenerentola, allora rimanevo lontana dai fornelli e le mie erano solo romantiche fantasie. Oggi, a differenza di allora, quando sento parlare di zucca penso subito alle diverse varietà e le diverse forme, penso in particolare alla “ zucca piena” di Napoli, detta anche “cucozza zuccherina”. Questo tipo di zucca nostrana la si può degustare cruda nelle insalate per darne un tocco stuzzicante, oppure marinata o cotta al forno o come di tradizione la famosa e saporita pasta e zucca.
La zucca è un valido alleato per chi va alla ricerca di risparmiare qualche caloria, infatti è composta dall’ottanta per cento di acqua, ed è povera di zuccheri, nonostante abbia il sapore dolce. Come tutti gli ortaggi di colore arancione è ricca di caroteni, sostanze che l’organismo utilizza per la produzione di vitamina A inoltre è ricca di sali minerali, potassio, calcio e magnesio. Altro notevole pregio di questo ortaggio è quello di essere totalmente commestibile, dalla zucca non si butta via niente, polpa, semi, e anche buccia!
Ora prima di dilungarci troppo e “uscire fuori di zucca “ vi voglio suggerire una ricetta dai colori e profumi ineguagliabili: RISOTTO ALLA ZUCCA. Ho voluto preparare questa ricetta tenendo come recipiente la zucca, prima svuotata e poi cotta al forno per dare quel tocco di originalità e sorprendere i nostri ospiti. Allacciamo i grembiuli e cominciamo:
Con l’ausilio di un coltello tagliate la calotta della zucca e scavate eliminando polpa semi e filamenti. Adagiate la zucca su carta forno e infornate a 200 gradi per circa 30 minuti.
Tagliate la polpa a dadini, rosolate l’aglio nell’olio aggiungete la zucca e salate. Calate il riso e fate tostare, aggiungendo il brodo vegetale man mano, e proseguire con la cottura. mantecare con una piccola noce di burro e parmigiano. A questo punto aggiungere il riso nella zucca e adornare con ciuffetti di prezzemolo.
per ingredienti e preparazione consultare il blog: donnaritacooking giallo zafferano.