Lunedì 17 Dicembre 2018, 11:52

Il benessere si coltiva in casa con i fiori

Autore: Luca Ricciardi | Pubblicato Marzo 2016 in Cultura

Coltivare fiori e piante in casa è sicuramene un bel modo per portare un po’ di natura e colore nel proprio ambiente. Oltre a conferire un tocco
personale, la casa diventa più allegra e profumata. Ma cosa ancora più importante, da un recente studio è emerso che coltivare fiori e piante in casa fa bene anche alla salute.
Con i fiori in casa migliora l’umore; si riducono ansia, preoccupazioni, depressione e nervosismo. I fiori possono dunque fare la differenza.
Gli esperti hanno dimostrato che chi riceve un dono floreale è più gioioso e grato rispetto a chi riceve un altro tipo di regalo. I fiori hanno il potere d’agire sull’umore di chiunque, a prescindere dal sesso, l’età, la cultura.
La presenza di fiori in casa trasmette anche un’energia positiva che si riflette sullo stato d’animo delle persone, le quali iniziano la giornata con una buona dose di buonumore trasmesso dai fiori con i loro clori vivaci e il loro profumo.
L’impatto positivo si manifesta anche sul posto di lavoro dove generalmente le persone che hanno fiori in casa si dimostrano più energiche, entusiaste e felici. 

Non c’è che l’imbarazzo della scelta
Il profumo dei fiori può avere effetti diversi agendo a livello inconscio sulle persone. Ci sono fiori che hanno un effetto tonico; altri che rendono allegri; altri ancora che rilassano. Profumi delicati come la rosa o il gelsomino hanno il potere di risollevare l’umore. Quelli più erbacei agiscono rilassando. Le piante aromatiche come il basilico o la menta, invece, hanno un effetto tonico.