Giovedì 13 Dicembre 2018, 18:31

Gambe pesanti, combattile con la Pressoterapia

Autore: Dott. Fabrizia De Angelis | Pubblicato Dicembre 2015 in Salute

Soprattutto le donne soffrono di pesantezza e dolorosi gonfiori a gambe, caviglie e a volte anche agli arti superiori. Le cause principali sono i disturbi della circolazione venosa e linfatica: in parte dovuti a edemi/linfedemi (accumulo di liquido interstiziale e ostacolata circolazione linfatica), in parte a lipoedemi (anormale accumulo sottocutaneo di cellule adipose) che aggravano il dolore muscolare in particolare a chi sta a lungo in piedi o cammina molto.
Per combattere queste patologie è venuta in aiuto con risultati straordinari la pressoterapia o pressomassaggio. Comparsa nel mondo estetico circa 20 anni fa è considerata ancor oggi una delle terapie non invasive più efficaci, se non la più efficace in quanto procura una sensazione di benessere e leggerezza fin dalle prime applicazioni.
La pressoterapia può essere ottimizzata dall’impiego aggiuntivo di soluzioni saline, alghe, gel o oli specifici ad azione drenante applicati sia manualmente, sia con l’ausilio di specifici bendaggi. Inoltre può essere abbinata ad altri trattamenti estetici o benessere (fanghi, alghe, talassoterapici) impiegati per prevenire o attenuare le disfunzioni e gli inestetismi descritti sopra. Le zone interessate sono gli arti inferiori, le braccia e la zona addominale, che presentano maggiormente problemi di tipo circolatorio venoso/linfatico. In alcuni casi è opportuno abbinare alla pressoterapia anche un ciclo di massaggi per migliorare la circolazione e l’ossigenazione dei tessuti.

Come funziona
Prima di essere sottoposti al trattamento per la pressoterapia, il medico effettuerà dei massaggi specifici per riattivare il sistema linfatico. Poi vengono posizionate intorno agli arti da trattare apposite “camere” separate a forma anatomica al fine di assicurare un gradiente di pressione per evitare la stasi o i ritorni dei flussi. Le camere possono essere anche applicate sull’addome. Appena il macchinario è azionato, il trattamento si concentra sui movimenti del flusso venoso e linfatico e partendo dalle caviglie fino alla parte superiore delle cosce le camere si riempiono in sequenza, dalla prima più periferica fino ad arrivare alle zone superiori. Una volta gonfiati tutti gli applicatori il trattamento finisce svuotandole tutte allo stesso tempo e così via per tutta la durata dell’applicazione.

Durata del trattamento e prezzi
Ogni seduta dura dai 15 ai 30 minuti, a seconda delle esigenze del paziente. Si consiglia un ciclo completo che ammonta a dieci o dodici sedute. Comunque molto dipende dal bisogno del paziente: il medico è essenziale per definire con certezza il numero delle sedute, la durata e la tipologia. Una seduta singola può costare circa 30-50 euro a seconda della zona da trattare, per 30 minuti di trattamento.

I benefici
Progettata per aumentare la circolazione sanguigna e il flusso della linfa, la pressoterapia riduce l’edema linfatico e gonfiore addominale, ed è indicata per le fasi iniziali di cattiva circolazione o per insufficienza venosa (vene varicose), migliorando il flusso di ossigeno lungo il corpo e alleviando la fatica delle gambe.

Possibili controindicazioni
La pressoterapia è controindicata in caso di trombosi venosa profonda, di insufficienza arteriosa periferica grave e di insufficienza cardiaca.