Mercoledì 19 Dicembre 2018, 11:08

Denti e Diabete: i rischi maggiori

Autore: Dott. Danilo Trapani | Pubblicato Settembre 2018 in Salute

Le complicanze che colpiscono i pazienti diabetici non riguardano solo organi sensibili come occhi, reni, si­stema cardiocircolatorio e sistema nervoso, ma an­che una ridotta funzionalità delle ghiandole salivari con conseguente riduzione del flusso salivare dovuto agli effetti collaterali dei farmaci che questi pazienti de­vono assumere.
A ciò si associa una saliva compromessa che predispone i denti a un maggior rischio di carie. E’ quanto emerge da uno studio condotto presso la Queen Mary University (Londra), dove è stata analizzata la compo­sizione della saliva di persone sane e pazienti diabetici. La ricerca ha evidenziato che la saliva dei diabetici purtroppo è diversa da quella di persone sane in quanto è carente di una molecola protettiva, la proteina MUC7, e di calcio con un conseguente aumento dell’acidità salivare. Aumentano così i rischi di danni ai denti e gengive che si rovinano più facilmente, dando luogo a infezioni che possono a loro volta innalzare la glicemia. In particolare, i diabetici sono soggetti a un rischio maggiore di sviluppare gengiviti e pa­rodontiti perché hanno una ridotta capacità di combattere i batteri che invadono le gengive. Le risposte immunitarie dei pazienti diabetici verso le infezioni sono alterate, perciò sono più esposti alla formazione della placca batterica che favorisce l’infiammazione locale. Le gengive così infiamma­te si ritirano, creando delle sacche che diventano serbatoi di germi e rafforzano l’infiammazione.
Chi soffre di diabete, quindi, deve tenere sotto controllo la propria salute orale prestando grande attenzione all’igie­ne orale e sottoporsi a controlli regolari ogni sei mesi dal dentista che deve essere informato dello stato di salute del paziente diabetico. Un buon controllo dei livelli di glucosio nel sangue può aiutare ad alleviare la secchezza delle fauci provocata dal diabete e migliorare la qualità di vita.