Giovedì 22 Aprile 2021, 20:02

Rimielinizzazione in naturopatia: Aiuto con rimedi naturali

Autore: a cura della dott.ssa Rosaria Aprea | Pubblicato Febbraio 2021 in Salute

Sempre più spesso vengono diagnosticate patologie a carico dei nervi, cioè neuropatiche. Quali possono essere le cause e i sintomi della demielinizzazione? Si può rimielinizzare o riformare la mielina?
Tra le parti più importanti del nostro organismo vi sono i nervi, capaci di ricevere messaggi da ogni parte del corpo e di rielaborarli. La maggior parte dei nervi sono rivestiti da mielina, un materiale isolante che necessita di essere mantenuto in ottimo stato. Un consumo o danneggiamento della stessa rischia di causare problemi al cervello e, di conseguenza, a tutto l’organismo. La mielina permette a un segnale nervoso di viaggiare sicuro e velocemente rispetto a quanto non avvenga nei neuroni non mielinizzati.
Sulle patologie che posso colpire il sistema nervoso non può escludersi lo studio di quella che è la demielinizzazione, ossia i danni alla mielina dei nervi.
Qual e’ la causa della
demielinizzazione?
La demielinizzazione è la scomparsa o il danneggiamento della mielina, con conseguenti alterazioni nel regolare funzionamento del sistema nervoso. Si presenta in più aree dove può apparire contemporaneamente oppure in sequenza, provocando una degenerazione a livello delle cellule che può essere anche irreversibile.
La causa di demielinizzazione, più comune, è quella di un’infiammazione, il modo più facile per provocare un danno alla mielina. Ma vi possono essere anche altre cause tra cui: INFEZIONI VIRALI, COMPLICAZIONI CON IL METABOLISMO, PERDITE DI OSSIGENO, COMPRESSIONE FISICA.
Tra i primi segni di una malattia demielinizzante si individuano sintomi come: perdita della vista, problemi a livello di intestino o vescica, stanchezza generale, inusuali dolori nervosi.
Le patologie correlate al danneggiamento della mielina al sistema nervoso centrale è la SCLEROSI MULTIPLA. In questi casi viene attaccata la guaina mielinica o le cellule che la producono e la mantengono. Questo causa delle lesioni alla guaina e delle infiammazioni che possono riguardare anche le fibre nervose che la circondano. Possono anche formarsi delle cicatrici, che vengono chiamate sclerosi. La demielinizzazione di tipo infiammatorio viene attaccata dal sistema immunitario che va a creare delle piccole lesioni. Ulteriori sintomi possono essere: perdita della vista, costante debolezza muscolare, rigidità, cambiamenti delle sensazioni, perdita di coordinazione, cambiamenti e dolori a livello della vescica e dell’intestino.
In questo contesto di nozioni della demielinizzazione si può avere un valido aiuto dai rimedi naturali per la rimielinizzazione? Certamente!!!
Un ruolo importante lo ha la vitamina B12. Essa promuove la crescita dei globuli rossi in formazione ed esercita questa sua azione lavorando in sinergia con l’acido folico o vitamina B9.
Contribuisce alla buona salute del sistema nervoso intervenendo nella creazione della guaina mielinica che avvolge i nervi. Come terapia antinfiammatoria assumere Vitamina C, Vitamina D, The verde, artiglio del diavolo e boswellia. Consumare Omega 6 ogni giorno che si trova nel pesce, olive, noci, e semi, inoltre assumere zinco, vitamina A e complesso di vitamine B. Per rallentare i processi di sclerosi multipla è molto utile il Colostrum, primo latte materno vaccino che ha un alto contenuto di immunoglobuline. Consigli utili anche in altre forme di neuropatie.
L’obiettivo è di creare un terreno idoneo per rinforzare la mielina esistente e di riformarla ove è mancante. Il nostro sistema nervoso se dovutamente aiutato può rigenerarsi da sé.
Ottimo contributo lo danno i flavonoidi, molecole note per i loro effetti benefici sulla salute, che si trovano principalmente nella frutta e nella verdura.
Sedute di agopuntura sui meridiani energetici o digitopressione, possono essere utili. Consigliati: Bacopa o Brahmi, pianta indiana utile per il cervello, rinforza la memoria, migliora la concentrazione e riduce i livelli di stress. Rigenera i neuroni.
La curcuma, il rosmarino, la menta piperita aiutano nella concentrazione a livello cerebrale.
L’argomento è complesso e molto altro si potrebbe aggiungere. Una sana alimentazione ricca di antiossidanti e di alta qualità nutritiva, di certo, migliorerà il proprio stato di salute.

Dott.ssa Rosaria Aprea
Naturopata
Riceve su appuntamento
Studio di Monza e in Piano di Sorrento
Tel. 339.54.25.327