Sabato 15 Dicembre 2018, 09:47

Artrosi: come curarla con la fisioterapia

Autore: dott. Francesco Di Maio | Pubblicato Marzo 2018 in Salute

L’artrosi è una patologia cronico degenerativa che si sviluppa a partire dai 50 anni. Purtroppo sono sem­pre più numerose le persone colpite precocemen­te ed in maniera più grave dalla malattia. Il principale sintomo dell’artrosi è il dolore e la rigidità di movi­mento dell’articolazione interessata causati da un pro­gressivo deterioramento della cartilagine e dell’osso.
Il dolore è più acuto la mattina, quando ini­zia il movimento, ma tende a diminuire man mano che le articolazioni si muovono. Può inol­tre accentuarsi con i cambiamenti climatici.

Le armi migliori per combattere l’ar­trosi è sicuramente la riabilitazione e la fisioterapia, queste purtroppo non possono invertire il decorso della malattia, ma se l’ar­trosi non è trattata, aumenterà fino al punto di divenire fortemente invalidante. Elemen­to fondamentale della terapia dell’artrosi è il movimento che permette di mantenere e aumentare la mobilità articolare allenan­do i muscoli e riducendo il processo artrosico. Chiaramente l’attività motoria dovrà esse­re corretta e controllato dal fisioterapista, che valuterà gli esercizi terapeutici idonei, e inizierà quindi un piano di trattamento mirato.
Altre misure preventive sono il controllo del peso corporeo ed evitare traumi ripetuti sulle articolazioni. Tra le terapie, oltre a quella farmacolo­gica, buoni risultati possono aversi con la Tecarterapia, Laserterapia, Ultrasuoni. Magnetoterapia, Ionoforesile, Onde d’urto, Ipertermia e la Massoterapia, T.E.N.S, Elet­trostimolazioni. che hanno tutte lo scopo di ridurre il gonfiore, il dolore, migliorare la funzione articolare.