Giovedì 21 Giugno 2018, 00:19

Sai perché si dice 'cafone'?

Pubblicato Giugno 2018 in Sai Perché e Eureka

”Cafone” è una parola del dialetto campano, che secondo alcuni deriverebbe da “c’a fune”: con la fune. Intorno al 1400, tra Frosinone a Caserta i contadini si recavano alle fiere di paese portando in spalla delle funi, con cui si portavano a casa gli animali (vacche, pecore, ecc.) che compravano.
Secondo un’altra tradizione, quando le nobili famiglie napoletane avevano la necessità di traslocare, chiamavano “chill co’ ’a fune” ovvero quella persona che con funi e carrucole passava il mobilio dai piani al terreno, poi sempre “ca’ fune” (con la corda) assicuravano il tutto ai carri. Data la bassa scolar...

L'uso del colluttorio

Autore: dott. Danilo Trapani | Pubblicato Giugno 2018 in Salute

L’uso del collutorio (errata è la forma “colluttorio”) è un presi­dio sanitario sempre più utilizzato. Tuttavia, è necessario co­noscere come utilizzarlo al meglio in modo da ottenere una bocca sana e protetta. A cosa serve?
Un collutorio è un liquido usato per eseguire risciacqui nel cavo orale e viene classificato in base alla sua funzione in terapeutico e cosmetico. I prodotti terapeutici vengono venduti esclusivamente in farmacia e sotto prescrizione medica. Possono essere utilizzati durante il post-operatorio e per la cura di infezioni o infiammazioni gengivali. Invece, quello cosmetico asporta residui di cibo, svolge un&rsqu...

Sale e fanghi per dimagrire nella tua vasca

Autore: dott.ssa Rosaria Aprea | Pubblicato Giugno 2018 in Salute

L’estate ormai è prossima e il cruc­cio per molte persone, donne in prevalenza, è la prova costume. Ma se non si ha la possibilità di andare al mare? Niente paura. Regalati due-tre sere alla settimana per trasformare il tuo bagno in un centro di thalassote­rapia.
Prima di tutto fai uno scrub: di sab­bia o sale per purificare e levigare. Du­rante una passeggiata al mare, procu­rarsi un sacchetto di sabbia marina da usare per lo scrub casalingo. Farla asciu­gare ed eliminare eventuali impurità, la sera prima del bagno strofinarla leg­germente su tutto il corpo insistendo sulle parti più gonfie. Se non è possibile reper...

Esame di Maturità: chi lo ha istituito e quando

Pubblicato Giugno 2018 in Cultura

A giugno di ogni anno gli stu­denti che dovranno affron­tare di lì a poco gli esami di maturità vengono investiti da un’ondata di ansia, timore e stress che contagia anche i loro familiari e amici.
Giorni e notti trascorsi sui libri a ripassare il programma scolastico e preparare la tesina da presentare alla commissione, mentre ci si chie­de: “Ma a chi è venuto in mente d’istituire l’esame di Maturi­tà???”.
Sicuramente una delle pro­ve più difficili da superare nella propria vita, l’esame di Maturità fu introdotto nel 1923 dall’allora Ministro dell’Istruzione del Re­gime Fascista...

Ricordando Paolo Perfetto

Autore: dott. Carlo Alfaro | Pubblicato Giugno 2018 in Attualità

Il 17 dicembre 2017, inaspettatamente per la grande vitalità dimostrata fino all’ultimo nonostante i numerosi e gravi acciacchi, Paolo Perfetto, benemerito cittadino carottese, è venuto a mancare lasciando i figli, i nipoti, i parenti, gli amici e tutti quanti lo avevano conosciuto, amato, apprezzato, nel rimpianto e nel dispiacere più profondi. Con Paolo Perfetto Piano di Sorrento e la Penisola sorrentina hanno perso un fulgido modello di una persona “perbene” nel senso più pieno ed esemplare del termine e un uomo di sconfinata cultura e profonda passione artistica, squisita sensibilità, elevato impegno civile e indiscusso talento, che ta...

Bon Ton in auto

Autore: Pietro Aiello Cilento D'Altavilla | Pubblicato Giugno 2018 in Cultura

Forse non tutti lo sanno, ma esisto­no delle precise regole di bon ton in auto: alcune sono disciplinate dal ga­lateo, mentre altre sono dei semplici con­sigli legati al buon senso e al …. Codice della strada. Alcune di queste indicazio­ni potranno sembrare eccessive o obsole­te, ma la maggior parte di queste regole di bon ton in auto saranno utilissime per evitare che la persona, una volta messa alla guida, si “trasformi”, cosa che pur­troppo accade un po’ troppo spesso.
Quindi a parte le classiche rego­le: quando si guida non si parla al te­lefono e non ci si trucca, dare sempre la precedenza ai pedoni, usare il clacson nei momenti o...

Sai perché la fiamma sale verso l'alto?

Pubblicato Giugno 2018 in Sai Perché e Eureka

La spiegazione di questo fenomeno è da ricercarsi nelle leggi chimiche e fisi­che e nel concetto di combustione. La combustione è una reazione chimica attraverso cui un corpo, bruciando, sviluppa calore e radiazioni elettromagne­tiche. E quando un corpo brucia per combustione, le fiamme generate pro­ducono ad una temperatura più alta dell’aria che le circonda. L’aria calda, più leggera di quella fredda, per il principio di Archimede, tende a salire verso l’alto dando alla fiamma la tipica forma allungata verso l’alto!

Un solare con alta protezione impedisce l'abbronzatura?

Pubblicato Giugno 2018 in Salute

Tutt’altro. Il fenomeno dell'abbronza­tura per cui la pelle si scurisce dopo l'esposizione al sole è una reazione difensiva dell'epidermide. Come avviene? I raggi solari, in particolare gli UVB attivano la produzione della melanina, il pigmento cu­taneo responsabile dell'imbrunimento, che dai melanociti si distribuisce a tutte le cellule epidermiche. Il SPF misura esclusivamente la protezione nei confronti dell’eritema da UVB e, per quanto molto alta, non può es­sere totale. Prodotti solari con fattore di pro­tezione alta/molto alta consentono ugual­mente di abbronzarsi ma se in modo più graduale.
Un'incontrollata esposizione solare non fa...

Gomito del tennista o gomito del selfista?

Autore: dott. Francesco Di Maio | Pubblicato Giugno 2018 in Salute

Ora non esiste più solo il gomito del tennista, ma in seguito alla moda di scattare selfie ora molte persone soffrono del gomito del selfista. Creare il selfie perfetto da postare sui social, alla lunga, può provocare dolorose infiam­mazioni alle braccia.
Quando si scatta una foto con lo smartphone, il braccio viene infatti spo­stato verso l’alto e piegato in un modo inusuale; se il movimento viene ripetuto molto spesso è normale sentire un fastidio al braccio, specie alla mano ed al gomito.
Sollecitare continuamente i muscoli e tendini del braccio giorno dopo giorno alla smodata ricerca dello scatto perfetto procura rigidità, dolore e infiammazione ...

Ilaid: TEST in Penisola Sorrentina confronti di velocità con TIM e WIND

Autore: a cura di Alfonso Simeone | Pubblicato Giugno 2018 in Attualità

L’operatore telefonico low cost Iliad è arrivato in Italia e i suoi servizi sono partiti il 29 maggio 2018. L’offerta di lancio di Iliad, benché non ancora paragonabile alle tariffe francesi che partono da 2 euro al mese, è agguerrita: 5,99 euro al mese (più 9,99 euro una tantum per la scheda sim) per avere chiamate e sms illimitati in Italia, 30 giga di traffico dati e una serie di altri servizi. Essendo appena sbarcato in Italia, ci sono anche diversi dubbi legati al nuovo gestore, sopratutto per il livello di copertura e alla velocità della connessione. Per questo motivo LeggimiGratis ha provato a fugare più dubbi possib...

Capelli e pelle al sole: come proteggerli

Autore: Fortunata Staiano | Pubblicato Giugno 2018 in Bellezza e Moda

La nostra pelle e i nostri capelli d'e­state vengono messi a dura prova da: raggi solari, cloro, salsedine, vento, sabbia ecc. Con piccoli accor­gimenti riusciamo a salvaguardare la loro salute.
Cura capelli e pelle con trattamenti idratanti e ricostituenti o con im­pacchi a base di olio di cocco o di oliva.
Proteggi dai raggi UV utilizzando prodotti specifici con filtri solari, prediligendo quelli con materie pri­me naturali. I capelli vanno protetti anche con foulard e cappelli.
Sciacqua sempre capelli e pelle dopo il bagno al mare o una nuota­ta in piscina.
Lava con shampoo-doccia delicati quando le docce sono frequenti e sia il cuoio capelluto che la pelle si potrebbe...

730 precompilato: come evitare errori

Autore: dott. Gianluca Rotoli | Pubblicato Giugno 2018 in Cultura

Con la riforma del sistema tributario, è in corso la cosiddetta “semplificazione fiscale”. Questa, da un lato ha favorito il ricevimento di dati da parte dell’agenzia delle entrate che da anni, in occa­sione dell’avvicinarsi delle scadenze fiscali, mette a disposizione del contribuente il modello 730 precom­pilato, ma d’altro canto danneggia commercialisti ed aziende che si devono confrontare ogni giorno con un numero sempre maggiore di adempimenti burocratici e scadenze fiscali. Ma cos’è questo strumento del 730 precompilato?  E’ la tradizionale dichiarazione dei redditi, dedica­ta ai lavoratori dipendenti e pensiona...
Per la tua pubblicità su LeggimiGratis o EccomiQua:
081.19171216
380.5171932