Martedì 18 Dicembre 2018, 16:43

Sai perché il caffè italiano si chiama espresso?

Pubblicato Marzo 2017 in Sai Perché e Eureka

L’origine del termine “espresso” è incerta, probabilmente deriva dal metodo di preparazione del caffè e dai termini “extra” e “pressione” che sono i princi­pali fattori coinvolti in questo procedimento. Nelle caffettiere, così come nelle macchinette dei bar, si raggiunge una temperatura superiore ai 100 gradi cen­tigradi, ideale per estrarre aroma dalla polvere di caffè. La macchinetta, ide­ata in Italia, è costruita in modo che, quando l’acqua inizia a bollire, il vapore sviluppato viene covogliato verso l’unica via d’uscita: il tubicino centrale che porta alla polvere del caffè. Questa, compressa in modo opportuno, oppone un’ulteriore resistenza con il risultato di far aumentare la pressione del vapore. Pertanto quando il vapore riesce a filtrare attraverso la polvere di caffè ha una temperatura di circa 120 - 130 gradi.