Martedì 10 Dicembre 2019, 08:45

Come proteggere la pelle dal freddo invernale

Autore: a cura della dott.ssa Rosaria Aprea | Pubblicato Novembre 2019 in Salute

Ci avviciniamo a grandi passi nel periodo del freddo più intenso e in inverno indossare indumenti pesanti, sciarpa e guanti non è sufficiente per garantire un’adeguata protezione a tutto il nostro corpo. Il vento e gli improvvisi sbalzi di temperatura che il nostro organismo subisce passando da ambienti troppo caldi ad altri freddi tendono a rendere la nostra pelle secca ed irritata fino ad arrivare ad altre patologie. Ad esempio ragadi, dermatite seborroica, dermatite atopica ed eczemi.
Le parti più colpite sono frequentemente le estremità delle dita, delle mani, dei piedi, naso e orecchie. Disidratazione ed invecchiamento possono assottigliare la pelle che...

Cartelle esattoriali e fermo amministrativo

Autore: a cura dell. Avv Patrizia Cappiello | Pubblicato Novembre 2019 in Attualità

Mio padre non ha pagato alcune cartelle esattoriali e ha ricevuto un preavviso di fermo amministrativo della nostra auto, che è intestata a entrambi. Sul libretto dell’auto risultiamo tutti e due ma sul foglio del PRA risulta solo mio padre, in quanto primo intestatario dell’auto. E legittimo procedere al fermo, visto che il veicolo è cointestato e serve prevalentemente a me per andare a lavoro? Il fermo amministrativo è illegittimo se l’auto è cointestata a due soggetti di cui uno solo è debitore verso l’agente della riscossione.
La visura effettuata al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) consente di individuare i dati anagrafi...

Salute naturale: Gli anni d’argento e la buona alimentazione a 'tavola'

Autore: a cura della dott.ssa Rosaria Aprea | Pubblicato Ottobre 2019 in Salute

Pur raggiungendo l’età matura o l’anzianità è possibile vivere bene a lungo imparando a conoscere il proprio corpo che cambia, così da rallentare il fisiologico processo di invecchiamento. Esso fa la sua comparsa con segni visibili come la canizie, le rughe, il rilassamento dei tessuti e disturbi meno visibili ma più invalidanti come l’indebolimento dell’apparato locomotore, degli organi interni e sensoriali, disturbi della memoria, arteriosclerosi, perdita del desiderio e della potenza sessuale. E’ importante, a seconda delle proprie caratteristiche personali, avviare un programma equilibrato sia di un’alimentazione mira...

Sai Perché ... a volte capita di dimenticare ciò che si doveva fare?

Pubblicato Novembre 2019 in Sai Perché e Eureka

Secondo gli studiosi della Università of Notre Dame negli USA quando si oltrepassa il confine di una porta il cervello tende a “resettare” la memoria, chiudendo in un altro comparto i ricordi formatisi in un ambiente qualche momento prima, ma in un ambiente diverso. Questo fenomeno chiamato “effetto portone”, è stato dimostrato dai ricercatori che hanno coinvolto un gruppo di volontari ai quali è stato proposto di partecipare ad un videogioco in cui si doveva camminare fino a un tavolo su cui era appoggiata una scatola contenente un oggetto. Successivamente quella stessa scatola doveva essere raccolta e riposta in uno “zaino virtuale” ...

RADON: Dalla terra un pericolo invisibile per la salute

Autore: Arch. Mariella Apreda | Pubblicato Novembre 2019 in Attualità

La legge Regione Campania 13/19 ha di recente imposto l’obbligo di effettuare le misurazioni del gas radon, per tutti i luoghi accessibili al pubblico posti ai piani terra ed interrati, come negozi, bar, ristoranti etc. Le rilevazioni, che durano un anno, devono concludersi entro il 16 gennaio 2021, pena la decadenza dell’agibilità del locale e conseguente chiusura dell’attività.
Non tutti lo sanno, ma nella zona in cui viviamo, sono alte le concentrazioni di radon, per le particolari caratteristiche del suolo e dei materiali da costruzione impiegati soprattutto fino agli inizi del secolo scorso: quindi è ancora più importante sensibilizzare le p...

Sai Perché ... in napoletano si dice Va truanne sce’ sce’?

Pubblicato Novembre 2019 in Sai Perché e Eureka

Si tratta di un’espressione nata ai tempi dell’occupazione francese a Napoli. Il termine “sce’ sce’” deriverebbe dal verbo francese “chercher”, che letteralmente significa cercare. Si racconta che all’epoca, un soldato francese chiedendo informazioni ad un napoletano cominciò la frase con le parole “Je cherche” (“io cerco”). Questo “cherche” venne trasformato in sce’ sce’ proprio dal popolano, il quale, fraintendendo le parole del soldato, credeva che il soldato francese stesse cercando qualcuno dal nome Sce’ sce’.

Marlon Brando L’uomo e il mito

Autore: a cura di Pietro Aiello Cilento D’Altavilla | Pubblicato Novembre 2019 in Cultura

Carissimi lettori e lettrici se mi dovessero chiedere chi è l’attore più carismatico e di maggior talento della storia del cinema non avrei dubbi nel rispondere: Marlon Brando! Ed ora vi svelerò delle curiosità su di lui.
Nasce il 3 aprile del 1924 ad Omaha. Fin dall’adolescenza manifesta un carattere ribelle, viene espulso dall’accademia militare e si trasferisce a New York per studiare recitazione e diventare allievo di Stella Adler. Debutta nel mondo del cinema nel 1944 con il film “I Remember Mama”, di John Van Druten ed inizia la sua memorabile carriera, indimenticabile “Ultimo tango a Parigi”, uno dei miei preferiti....

Prego, accomodati!

Autore: a cura di Guenda Esposito - Designer Passionate | Pubblicato Novembre 2019 in Cultura

Si, perché no? Magari per sorseggiare un tè o un caffè o, ancora, per vedere la partitadella squadra del cuore in compagnia di amici, dopo aver ordinato pizza e birra.
Consumando il tutto rigorosamente sul divano. O, ancora, fate pure accomodare l’amico che arriva da oltreoceano, ci sarà sicuramente posto per ospitarlo. Con un solo tocco il divano in salotto diventa letto matrimoniale.
O, ancora, fate pure accomodare i vostri genitori nelle vostre case da studenti/lavoratori fuori sede. Ci sarà sicuramente posto per entrambi sul divano letto.
E il riposo non ne risentirà: il materasso custodito all’interno del divano sarà all’al...

Sai Perché ... pesa più una sconfitta che una vittoria?

Pubblicato Novembre 2019 in Sai Perché e Eureka

Secondo uno studio condotto da ricercatori inglesi è emerso che dopo una vittoria la felicità è due volte inferiore rispetto alla tristezza provata se la propria squadra perde. L’entusiasmo svanisce infatti dopo circa un’ora, mentre il cattivo umore si fa sentire anche a tre ore di distanza dalla sconfitta. Gli effetti dell’esito di una partita non si fermerebbero all’umore, infatti uno studio pubblicato su un periodico redatto dall’Università di Harvard, ha dimostrato come alle sconfitte sportive seguirebbero più casi di violenza familiare.

La melagrana 'superfood' autunnale alleata del sistema immunitario

Autore: a cura di S.R. | Pubblicato Novembre 2019 in Salute

Con l’autunno è ufficialmente iniziata la stagione della melagrana, un “superfood” o alimento farmaco con un concentrato di proprietà benefiche capace di proteggere il sistema immunitario dai malanni tipici dell’autunno, periodo di maturazione della melagrana.
Il termine melograno si riferisce alla pianta, mentre il frutto è definito melagrana o frutto del melograno e deriva dal latino malum (mela) e granatum (con semi), quindi mela con semi, infatti ricorda la forma di una mela, ma al cui interno, avvolti in una polpa gialla, sono presenti numerosissimi arilli (i semini) di colore rosso brillante e dal sapore acidulo.
E’ tra i frutti pi&ugr...

Frutta secca per combattere l’aumento di peso

Autore: a cura di L.R. | Pubblicato Novembre 2019 in Salute

Bastano solo 14 grammi di frutta secca al giorno per ridurre il rischio di obesità e non ingrassare negli anni successivi.
Uno studio pubblicato sulla nota rivista e EMJ Nutrition, Prevention and Health rivela che il consumo regolare di frutta secca, ricca di vitamine e sali minerali, grassi buoni insaturi, fa bene alla salute e aiuta a tenere sotto controllo il peso facendo aumentare il senso di sazietà.
La ricerca ha coinvolto 3 gruppi di individui di entrambi i sessi con età compresa tra i 24 e 75 anni.
Gli esperti hanno seguito i volontari per circa 20 anni monitorando lo stato di salute, il peso e l’alimentazione di ciascun volontario all’incirca ogni 4 an...

Un bicchiere di vino rosso ogni 15 giorni migliora la salute dell’intestino

Autore: a cura di S.R. | Pubblicato Novembre 2019 in Salute

Se vuoi bere una bevanda alcolica, scegli il vino rosso! Sembra esercitare un effetto benefico in chi lo consuma e sui suoi microbi intestinali. Il consiglio, tuttavia, è di consumare comunque gli alcolici con moderazione.
Un nuovo studio lo conferma ulteriormente che il vino rosso è amico dell’intestino, molto più di altre bevande alcoliche. Aumenta la varietà dei batteri presenti nel micro bioma, riduce i livelli di obesità e colesterolo cattivo. Questo è il risultato della nuova ricerca del King’s College di Londra pubblicata sulla rivista Gastroenterology. Lo studio, però, punta l’attenzione sulla moderazione: i benefici d...

dicembre 2019

Sommario del mese

Per la tua pubblicità su LeggimiGratis o EccomiQua:
081.19171216