Domenica 16 Dicembre 2018, 16:24

Clara Alonso e Diego Dominguez: Due stelle in Penisola Sorrentina

Autore: Denise Ricciardi | Pubblicato Settembre 2016 in Attualità

Clara Alonso, argentina di 26 anni, e Diego Dominguez, spagnolo di 24 anni, sono attori, cantanti, ballerini professionisti e una coppia molto affiatata. La loro fama e il loro debutto a livello internazionale sono dovuti alla serie tv Violetta, alla quale hanno partecipato dal 2012, facendo appassionare adolescenti e molto spesso anche i genitori; inoltre hanno lavorato per molti eventi organizzati dalla Disney e hanno diversi progetti per il futuro, cercando di raggiungere anche un pubblico più ampio. Recentemente sono stati in Penisola Sorrentina in occasione della sesta edizione del Social Film Festival di Vico Equense, tenutosi dal 23 al 31 Luglio 2016. LeggimiGratis li ha incontrati e li ha intervistati per conoscerli meglio.

Vi piace l’Italia?
Clara: “Amiamo l’Italia, entrambi! Ogni volta che dobbiamo tornarci, sia per lavoro, che per vacanza, il cuore inizia a batterci molto forte.”
Diego: “Le mie città preferite sono Roma e Venezia. Roma per viverci e Venezia per i fine settimana. Adorerei vivere in Italia però, purtroppo per il momento, per lavoro, dobbiamo stare a Madrid.”

Qual è il posto che vi piace di più?
Clara: “Mi piacerebbe molto visitare Positano.”
Diego: “So che è strano, però mi piace molto Ponza, anche più di Capri, perché è molto tranquilla.”

Qual è il pranzo italiano che vi piace di più?
Clara: “ Mi piace tanto il cibo italiano, al punto che prima di arrivare penso a quanto tempo ho a disposizione per poter assaggiare quante più cose possibile! Mi piace da morire la pasta cacio e pepe, che è romana, ma soprattutto adoro la parmigiana di melanzane… e poi i carciofi, il pesce: in pratica tutto!”
Diego: “Mamma mia… che buono il cibo italiano! Non saprei scegliere, mi piace qualsiasi cosa!”

Qual è il motivo per cui siete qui?
Clara: “Siamo qui per il Festival, ci hanno invitato per l’ultimo giorno, cioè il 31 Luglio, durante il quale ci saranno le premiazioni. È un festival abbastanza nuovo, ha solo 6 anni e riguarda la nostra passione, ovvero il cinema.”
Diego: “Di qualsiasi festival si tratti, in qualsiasi paese, indipendentemente da quanto sia famoso, ci piace dare il nostro sostegno, perché il cinema è la nostra passione ed è quello che vogliamo continuare a fare.”

Quali progetti avete per il futuro?
Clara: “Due mesi fa è uscito il film che ho fatto con la Disney, Tini, la nuova vita di Violetta che è stato registrato qui in Italia. Inoltre in questi ultimi mesi ho fatto diversi provini per il cinema e la tv, sto aspettando gli esiti. Sto anche studiando un po’ di recitazione… e poi spesso vengono i miei genitori in Spagna quindi sono in vacanza con loro!”
Diego: “Personalmente ho appena finito di girare un serie tv in Spagna intitolata Perdóname Señor, che è una specie di Gomorra, quindi non ha nulla a che vedere con Disney! Sono molto felice di questo progetto perché posso finalmente staccarmi da un personaggio Disney e vedere effettivamente qual è la mia capacità interpretativa. La prossima settimana realizzeremo insieme un cortometraggio a Barcellona, con uno stile ‘Woodiallenesco’.”

Come riuscite a gestire la vostra relazione o i rapporti con i parenti quando siete lontani?
Clara: “In questo momento viviamo insieme a Madrid. Sento la mancanza della mia famiglia e dei miei amici che sono in Argentina. Diego invece mi è sempre vicino!”
Diego: “Sono stato tre anni lontano da casa e anche a me mancavano i miei parenti, ma adesso sono tutti vicini e mi fa piacere.”

Vi potreste descrivere l’un l’altro in una sola parola?
Clara: “Guerriero.”
Diego: “In una sola parola? Non è affatto facile! È Una gran chiacchierona però allo stesso tempo molto saggia. Ripete le stesse cose tante volte però ha sempre ragione.”

Avete ancora contatti con il resto del cast di Violetta?
Clara: “Si, tanto. Quando è terminato il progetto Violetta avevo paura perché la cosa più forte che è stata creata è il rapporto d’amicizia. Quindi ero preoccupata dato che ognuno doveva ritornare al proprio paese e non sapevo quando ci saremmo rivisti. Alla fine non è andata così perché ci vediamo spesso con tutti, a Madrid oppure quando veniamo qui in Italia, o in Argentina. In questo senso siamo molto fortunati.”
Diego: “Siamo come fratelli, come una sola famiglia. Tutto il cast sa che quando vengono in Spagna, casa mia è aperta, e la stessa cosa succede quando io vado in Italia, in Messico… Non ci conosciamo solo dal punto di vista professionale: siamo amici.”

Avete qualche rituale prima di andare in scena o dei concerti?
Clara: “Per me ogni volta è diverso, non ho un rituale. Provo a pensare alla vittoria che ho ottenuto e quanto impegno mi è costata. Cerco di prendere pienamente coscienza di quello che mi sta succedendo in quel momento.”
Diego: “ Io mi sedevo sempre sulle scale dieci minuti prima che iniziassero i concerti. Mi rilassavo, mi concentravo e poi salivo sul palco dando il meglio di me aiutato da tutta l’adrenalina che dà sempre il pubblico.”

Quali difficoltà avete incontrato nella vostra carriera?
Clara: “Trovare lavoro nel nostro ambito è molto diverso. Non sai mai quanto tempo passerà prima che arrivi il lavoro dei tuoi sogni. Studi e ti impegni tanto, ma bisogna avere tanta pazienza e saper aspettare quando capita il momento giusto.”                                                                                                                                                                                       Diego: “Il nostro è un lavoro molto incerto. Ci sono dei mesi in cui guadagni tanti soldi e puoi comprare qualsiasi cosa tu voglia, però, bisogna imparare a dividerselo per quei mesi in cui si è senza lavoro.”

Un saluto per i lettori del LeggimiGratis?
Clara: “Un saluto a tutti i lettori e tutti i fan italiani che ci seguono. Speriamo di tonare molto presto in Italia con un nuovo lavoro.”
Diego: “… anche per me!”

Non vediamo l’ora di seguirli nei loro percorsi… e confidiamo in Diego che ci assicura: “L’anno prossimo parlerò perfettamente l’italiano!”