Domenica 16 Dicembre 2018, 19:15

I love Jump Fit

Autore: Luca Ricciardi | Pubblicato Maggio 2015 in Cultura

Saltare la corda è un modo semplice ed rapido per allenare un atleta che pratica sport. Tale metodologia di preparazione viene seguita da pugili, da giocatori di basket e da tennisti.

Le corde non sono tutte uguali, sono ne esistono di diversi materiali, in base ai quali varia la velocità della rotazione e quindi anche il livello di difficoltà nell’esercizio.

I tipi di corda principali sono 3:
Cotone: economiche e leggere, non raggiungono velocità elevate. Sono l’ideale per iniziare un allenamento o da usare come riscaldamento per attività più pesanti.
Pelle: Inadatte ai principianti perché più pesanti delle prime. Il loro peso consente di raggiungere velocità più elevate e di allenare anche la parte superiore del corpo, ma al tempo stesso l’impatto della corda di pelle sul corpo a seguito di un errore può essere molto doloroso.
PVC: ottime per i principianti perché veloci, leggere e poco costose. La capacità di rapida rotazione permette di ottenere un buon allenamento cardio e di migliorare agilità e rapidità.

Prima d’iniziare
Regolare la corda in base alla propria corporatura tenendo entrambi i manici in ciascuna mano e calpestare il centro della corda con i piedi, quindi accertarsi che sia ben distesa e senza nodi e che arrivi al petto.

Saltare
Il movimento base è semplicissimo: ‘prima ruotare e poi saltare’. La corda va ruotata con i polsi mantenendo spalle e gomiti “rilassati”. Il saltello deve essere basso e rilassato.
Per i principianti è preferibile iniziare in sequenza:
-saltellare sul posto “simulando” di avere la corda, l’importante è acquisire un ritmo regolare.
-aggiungere la corda mantenendola da una sola parte del corpo, l’attrezzo non intralcia il movimento, ma così facendo si impara a sincronizzare il movimento.
Una volta appreso, il movimento non si scorda più e con il tempo si possono aggiungere alcune difficoltà come eseguire salti a due piedi, piedi alternati, su un piede, sul posto o in movimento, etc. E’ possibile variare anche i tempi di utilizzo: si possono eseguire serie lente o veloci di 30 secondi con 30 secondi di recupero o aumentarle raddoppiandole o triplicandole.

Praticato regolarmente apporta benefici a 360° in tempi brevi:
• miglioramento della circolazione sanguigna,
• stabilizzazione della pressione,
• diminuzione di glicemia e colesterolo
• coordinazione e agilità dei movimenti
• tonicità e resistenza muscolare
• perdita di massa grassa.
• Un solo attrezzo molto economico, un semplice gesto e tanti ottimi risultati.