Domenica 16 Dicembre 2018, 16:16

Il Calcio Femminile scende in campo

Autore: Davide Rocchetti | Pubblicato Giugno 2016 in Attualità

Lo scorso aprile è stata presentato ufficialmente il progetto di una squadra di calcio femminile in penisola sorrentina. Il 27 maggio solo dopo poco più di un mese dalla presentazione del progetto è stata disputata la prima partita amichevole della neosquadra dell’Atletico Sorrento calcio femminile contro la ASG Nocerina Calcio Femminile che ha visto vittoriose le ragazze della penisola. In questa occasione abbiamo chiesto al presidente Antonino Schisano di rilasciarci un’intervista esclusiva.

Che sentimenti hai provato nel vedere le ragazze dell’Atletico Sorrento disputare la loro prima partita ufficiale?
Ho provato un’emozione molto forte, quello che più mi ha emozionato è stato vedere i loro occhi brillare di gioia, vederle fremere di voglia di giocare e sentire un gruppo solido ed affiatato, sembrava che giocassero insieme da anni.

Come avete accolto la vittoria contro la Nocerina Calcio?
Chi ben comincia... Siamo fieri delle nostre ragazze, la partita disputata seppure una semplice amichevole per noi è stata importantissima ed è stata affrontata con il giusto spirito. È stato l’inizio del sogno, un sogno che ci accomuna e che si sta realizzando. Le ragazze sono spinte dalla
passione e dalla determinazione ed hanno la fortuna di avere due leader che sanno motivarle e dare la giusta grinta: la carica personale della dott.ssa Agata Spasiano e la preparazione tecnica del mister Tina Acone. Non potevano affrontare questa sfida in un modo migliore.

Com’è nata l’idea di creare una squadra femminile? Chi ti ha sostenuto in questa avventura?
L’idea è nata assieme alla responsabile della squadra femminile, la dott.ssa Agata Spasiano, che è scesa in campo in prima persona indossando anche lei le scarpette da calcio. L’idea era quella di realizzare una squadra femminile che potesse essere di esempio per le tante bambine che amano questo sport, ma che spesso è ritenuto “inadeguato” per le donne. L’idea è di sfatare il pregiudizio che il calcio è uno sport per soli uomini. Il calcio femminile manca dalla penisola sorrentina da troppi anni ed è arrivato il momento di ricredere in questa realtà.