Domenica 08 Dicembre 2019, 07:01

Osteopatia e cicatrici

Autore: a cura del dott. Silvio Giglio | Pubblicato Settembre 2019 in Salute

La cicatrice è un tessuto fibroso che si forma riparando una lesione sulla pelle. Tale lesione sulla pelle può derivare da un trauma o da un intervento chirurgico. Le cicatrici, soprattutto quelle di dimensioni importanti, oltre a lasciare una traccia fisica e corporale, mantengono in sé la storia dell’evento che le ha originate e si ripercuote quindi anche nella sfera emotiva.
La pelle è l’organo più esteso del copro umano e quello più direttamente esposto all’ambiente, quando la sua integrità è alterata essa diventa sorgente di sintomi che non sono semplicemente superficiali e cutanei. Per questo l’osteopatia ritiene le cicatrici importantissime e determinanti nella comparsa di diverse problematiche viscerali, posturali, somatiche. Il tessuto fibroso che costituisce la cicatrice è anelastico, rigido, quindi crea facilmente nodi e blocchi sui piani fasciali e muscolari, danneggiando la naturale elasticità e flessibilità dei tessuti, dando vita a trazioni (talvolta dolorose) sulla fascia superficiale. Potremmo definire queste aderenze come la ripercussione delle cicatrici nelle aree anatomiche interne. Le aderenze e le cicatrici sono formate dal medesimo tessuto, sprovvisto di elasticità. In pratica, in seguito a un fattore scatenante (come ad esempio un intervento chirurgico che genera una cicatrice), durante il processo della rigenerazione dei tessuti, le aree cicatriziali si estendono oltre la zona danneggiata collegando altre parti in modo innaturale. In questo modo si sconvolge impercettibilmente l’equilibrio postulare dell’individuo e si creano delle aderenze, ossia fasci di tessuto fibroso che si formano tra i tessuti, tra gli organi, tra le articolazioni. Potremmo definire queste aderenze come la ripercussione delle cicatrici nelle aree anatomiche interne.
Una cicatrice può dare l’impressione che il corpo sia guarito ma mentre il corpo è efficace nel ripararsi, alcune cicatrici possono essere problematiche. Il tessuto cicatriziale non è mai così funzionale come il tessuto originale che ha sostituito. Ad eccezione delle cicatrici molto minori. Una cicatrice può essere il risultato di un intervento chirurgico (taglio cesareo, appendicectomia, chirurgia estetica, chirurgia articolare), un incidente o una ferita (ferite, strappi muscolari o rotture tendinee), ustioni, piaghe, malattie della pelle. Durante il processo di guarigione si possono creare tessuto cicatriziale e aderenze, causando trazione e legatura al tessuto circostante (fascia) che racchiude i muscoli e gli organi, creando movimenti limitati o funzioni alterate nel corpo. Queste restrizioni non riguardano solo l’articolazione, l’arto o l’area circostante, ma possono anche influire sugli organi sottostanti. Questo perché il tessuto cicatriziale ha il potenziale per diffondersi in qualsiasi direzione. Il tessuto che prima era in grado di allungarsi e flettersi facilmente ora diventa stretto e ristretto, con un raggio di movimento limitato. Questi cambiamenti strutturali possono causare dolore, effetto nervoso, intorpidimento, limitazione di movimento e flessibilità, squilibrio posturale, indebolimento muscolare, riduzione dell’ossigenazione tissutale e aumento del potenziale per lesioni future. Il tessuto cicatriziale può anche disturbare il drenaggio linfatico, la circolazione e ha impatto sulla nostra normale fisiologia e sulla nostra salute.
L’osteopata per curare cicatrici e conseguenti aderenze, procede con un trattamento di tipo fasciale allungando la cicatrice trasversalmente, longitudinalmente e combattendo l’aderenza. Le parti del corpo che subiscono maggiormente le conseguenze negative dovute alle cicatrici sono addome, spalle, articolazioni. Le conseguenze delle cicatrici provocano squilibri e comprimono le strutture in modo asimmetrico, creando sovraccarichi su precise zone o articolazioni. Inoltre, secondo l’osteopatia, le viscere comprese nelle regioni compresse possono subire peggioramenti della propria naturale e spontanea mobilità. Gli osteopati lavorano con i pazienti per trattare e identificare cicatrici e aderenze, aiutando a ridurre il dolore e cercare di riportare i tessuti molli in uno stato più funzionale. Un approccio osteopatico al tessuto cicatriziale e alle aderenze associate non riguarderà solo l’area del dolore, ma valuterà anche la funzione generale del corpo.
Il trattamento osteopatico aiuterà manualmente a rilassare, ammorbidire e migliorare una cicatrice. Rilasciare una cicatrice e un’adesione non solo funziona a livello fisico ma può anche aiutare a livello psicologico. Gli osteopati che affrontano il tessuto cicatriziale all’inizio del suo sviluppo possono aiutare a ridurre al minimo i problemi secondari del tessuto cicatriziale. Il trattamento osteopatico è un modo per affrontare le complicazioni a lungo termine e i dolori causati quando la matrice fasciale viene compromessa dalla tensione delle cicatrici.
Durante il trattamento è comune sentire disagio mentre le aderenze dei tessuti cicatriziali vengono sciolte e la tensione fasciale viene rilasciata e ripristinata. Questo processo aiuta a ridurre le cicatrici e le aderenze una volta che la ferita è guarita. Il tessuto aderente continua a diffondersi, il che può innescare un effetto a cascata di compensazioni in tutto il corpo. Il rilascio della cicatrice mira a migliorare la mobilità, diminuire le complicanze e ridurre il dolore spesso associato a cicatrici. Quando una cicatrice è stata liberata non c’è più una restrizione a livello di circolazione sanguigna e linfodrenaggio. Il corpo può quindi completare il processo di guarigione.
Quindi ecco che arriva la domanda da un milione di dollari; si può trattare il tessuto cicatriziale?
Sì, il tessuto cicatriziale può essere trattato dopo l’intervento chirurgico. Ma prima dobbiamo guardare il tessuto cicatrizzato da una prospettiva leggermente più ampia. Quando il corpo guarisce da una ferita, di solito ha alcune conseguenze che rimangono dopo che i processi di guarigione sono terminati. C’è quasi sempre un’area attorno alla cicatrice che solitamente si presenta con rigidità, ridotta vitalità e ridotta funzionalità. È quest’area che è curabile. Per fare alcuni esempi significativi possiamo affermare che cicatrici importanti nella zona addominale (parto cesareo, ernia inguinale, appendicectomia) possono essere causa di disturbi intestinali, dolori addominali cronici, meteorismo, problemi di postura, mal di schiena, camminata scorretta. L’osteopata, di fronte a una cicatrice di importante dimensione, valuta inizialmente la postura del soggetto, poi effettua semplici test per verificare la mobilità viscerale e articolare e infine mette in pratica tecniche di allungamento del tessuto connettivo a livello della fascia superficiale per combattere la rigidità e risolvere il problema di squilibrio. L’osteopata può trattare la cicatrice quando essa ha generato un problema, un dolore ad essa collegato, ma anche al fine di prevenire l’insorgere di queste complicanze.

Dott. Silvio Giglio
Fisioterapista Osteopata D.O.m.Ro.I
II Trav. S.Michele 7 - Piano di Sorrento
Cel. 338. 83.17.708