Domenica 08 Dicembre 2019, 07:39

Odontofobia La paura del dentista

Autore: a cura del dott. Giuseppe Di Maio | Pubblicato Settembre 2019 in Salute

Per molte persone l’appuntamento con il dentista genera una sensazione di disagio e di paura fino al punto di rappresentare una vera e propria fobia per il dentista. L’organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto ufficialmente questo disturbo con il nome di odontofobia. Questa condizione altamente invalidante provoca in chi ne è affetto un intensa paura nei confronti del dentista e di tutto ciò che richiama lo studio del professionista (trapano, rumore degli attrezzi, ago, eccetera).
I sintomi principali della odontofobia sono tachicardia, sudorazione senso di soffocamento, tremore, sensazione di svenire e nei casi più gravi un attacco di panico.
Ecco che l’odontofobico mette in atto una serie di strategie per evitare di recarsi dal dentista. Cerca di rimandare costantemente l’appuntamento assumendo farmaci antibiotici nel tentativo di automedicarsi ed evita meticolosamente argomenti che facciano riferimento alla situazione che genera ansia.
Ma come superare questa infondata paura del dentista?
La strategia migliore è quella di informarsi gradualmente su ciò che fa più paura.
Scegliere un dentista che ispira fiducia e informarlo circa i propri timori. Tacere le proprie paure al dentista per pudore, vergogna o timidezza, pensando di riuscire a gestire da soli la situazione non da buoni risultati. La cosa migliore è confidarsi con il dentista di fiducia che saprà rassicurare e adottare tutte le strategie necessarie per consentire una seduta serena e indolore per la cura dei denti, al quale rivolgere eventuali domande in caso di dubbi e spiegazioni circa ogni step del piano terapeutico.
Programmare insieme al dentista di fiducia un calendario di sedute da fare con interventi di diverso livello e intensità per esempio iniziando con una semplice visita e proseguendo poi con un successivo appuntamento per la pulizia dei denti. In questo modo ci si avvicina gradualmente alle proprie paure.
Associare l’esperienza dal dentista con qualcosa di positivo. Potrebbe essere utile dopo aver superato l’appuntamento premiarsi con qualcosa che piace in modo particolare, una sorta di gratificazione per aver superato un traguardo importante.
Nei casi più gravi di odontofobia si può ricorrere alla sedazione cosciente. Completamente indolore questa metodica prevede l’inalazione di protossido di azoto tramite mascherina oppure un iniezione di tranquillante.

Dott. Giuseppe Di Maio
Via Capo 5 - Sorrento
Tel. 081.877.19.56
Cell. 338.89.82.038