Domenica 16 Dicembre 2018, 09:36

Giovanni Caccamo: col Rotary Sorrento per i ragazzi disabili

Autore: a cura del dott. Carlo Alfaro | Pubblicato Gennaio 2018 in Attualità

Il tradizionale concerto di beneficenza di fine anno del Rotary Club Sorrento, realizzato in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Sorrento, e giunto alla 23esima edizione, ha avuto quest’anno un sapore di eccezionale spet­tacolarità e di grande rilievo solidale, che ha visto coralmente impegnata la comunità sorrentina, con grande soddisfazione ed emozione del presidente in carica, avv. Michele Liccardi, e di tutto il direttivo: il 16 dicembre 2017, il Teatro Armida in Sorrento stracolmo di persone ha accolto la star naziona­le Giovanni Caccamo, in una tappa del suo tour “Non siamo soli”, e la “Rotary Youth Chamber Orchestra” accompagnata dal coro e orchestra dagli studenti del Liceo Artistico Musica­le “Francesco Grandi” di Sorrento.
Il magnifico evento, inserito nel cartellone di “Sorrento Incontra – M’Illumino d’inverno”, la rassegna organizzata da Arealive, che si avvale della direzione artistica di Mvula Sun­gani e che rappresenta il contenitore degli eventi sostenuti dal Comune di Sorrento, ha letteralmente incantato i sorren­tini. Ospite d’eccezione il talentuoso Caccamo, cantautore, polistrumentista, veejay, conduttore tv, speaker radiofonico e anche scrittore (“Dialogo con mia madre”, 2016). Siciliano (è nato a Modica l’8 dicembre 1990), l’artista è stato scoperto da Franco Battiato, che lo ha ingaggiato per l’apertura dei suoi concerti del tour “Apriti Sesamo”, ha prodotto il suo primo singolo “L’indifferenza”, e duettato con lui nell’intenso brano “Satelliti nell’aria”, contenuto nel disco d’esordio “Qui per te” del 2015. Il cantautore si è imposto al grande pubblico vin­cendo tra le nuove proposte il Festival di Sanremo 2015 con il brano “Ritornerò da te”, aggiudicandosi anche il Premio della Critica “Mia Martini”, il Premio “Emanuele Luzzati” e il Premio della Sala Stampa Radio-tv-web “Lucio Dalla”. L’anno succes­sivo, è giunto sul podio con il terzo posto nella sezione Big, presentandosi assieme a Deborah Iurato con il brano “Via da qui”, canzone presente nel suo secondo album, “Non siamo soli”. Entrambi i suoi album di grande successo sono prodotti da Caterina Caselli con la sua etichetta Sugar Music. Autore per voci come Emma Marrone, Malika Ayane e Fran­cesca Michelin, è stato ospite del concerto di Biagio Antonacci e ha duettato con Carmen Consoli. Dal 2017 è testimonial dell’Unesco.
La “Rotary Youth Chamber Orchestra” nasce invece da un’iniziativa rotariana nel corso dell’anno sociale 2013/14 quando, preso atto delle difficoltà che i giovani musicisti incontrano per entrare nel mondo dell’attività lavorativa, venne deciso di so­stenere un gruppo di 15 giovani talentuosi campa­ni, che debuttarono nel 2014 ad Anacapri, e hanno continuato a mietere successi su successi.
Lo scopo della serata di beneficenza è stato sostenere, oltre che le attività della Rotary Youth Chamber Orchestra, i progetti di solidarietà che il Rotary Club Sorrento ha in essere sul territorio della Penisola, tra cui, in particolare, il “Laboratorio Occu­pazionale Domus e Formazione Lavorativa” rivolto a ragazzi disabili della Penisola dai 16 anni in su, e realizzato in collaborazione all’associazione “L’Iso­la che c’è” presieduta dall’avv. Antonino Fiondo, an­che lui rotaryano. Il progetto mira a fornire ai ragazzi diversamente abili strumenti necessari allo svolgi­mento dei compiti di vita quotidiana e la gestione domestica, attraverso occasioni di socializzazione, acquisizione di competenze e percorsi educativi che valorizzino le inclinazioni personali, oltre che una formazione lavorativa attraverso la previsione di stage presso varie aziende aderenti nel territorio della Penisola sorrentina. In altre parole un’attività ispirata al protocollo Icf (International classifica­tion of functioning), strumento elaborato dall’Or­ganizzazione mondiale per la sanità per descrivere lo stato di salute delle persone rispetto all’ambito sociale, familiare e lavorativo, al fine di cogliere le difficoltà che nel loro contesto socio-culturale pos­sono causare disabilità.
Finalità del laboratorio è l’apprendimento di abilità intese a favorire l’inclusione sociale e lavo­rativa dei giovani attenzionati, impartendo loro competenze domestiche e professionali utili al conseguimento di una soddisfacente autonomia personale, indipendenza, autosufficienza, sicurezza emotiva e libertà di movimento. Inoltre, il progetto mira a sensibilizzare il territorio della Penisola sor­rentina, e in particolar modo le numerose imprese esistenti, all’inserimento dei soggetti disabili. Nella fase finale, il progetto prevede infatti la messa in contatto dei giovani formati dal laboratorio con i datori di lavoro delle imprese che abbiano dato la disponibilità, al fine di far svolgere ai giovani disabili presso le loro strutture periodi di stage e pratica utili all’inserimento nella vita lavorativa e alla gestione della vita domestica e quotidiana.
Questo importante progetto di solidarietà si af­fianca ad altre iniziative solidali del Rotary Club Sor­rento, quale l’attività che Rotaract e Interact hanno posto in essere in collaborazione con la Libreria Tas­so di Sorrento di Stefano Di Mauro e Angela Cacace, mentre nel 2018 si svilupperà il Progetto Giovani Cinema in collaborazione con la Specchio Film ed i licei e gli istituti di scuola superiore della costiera sorrentina.
Ma di questo vi racconterò in un altro numero.