Mercoledì 19 Dicembre 2018, 10:15

Settembre… i cibi per restare in salute

Autore: Dott.ssa Rosanna Coppola | Pubblicato Settembre 2015 in Salute

SETTEMBRE… da sempre il mese dei buoni propositi e del ritorno ad una vita più regolare dopo la lunga pausa estiva. Il gran caldo, le giornate al mare o in montagna, le vacanze, le serate con gli amici ci hanno regalato relax e spensieratezza, ma non sempre ci aiutano a mantenere una alimentazione sana ed equilibrata. Vediamo, allora, cosa ci propone la natura per aiutarci a disintossicare il nostro organismo dagli eccessi vacanzieri e prepararci ad affrontare i mesi più freddi. Essendo settembre un mese di transizione tra l’estate ormai agli sgoccioli e la stagione autunnale, troviamo sul banco del fruttivendolo frutta succosa ancora tipicamente assieme a primizie dal sapore decisamente più autunnale. Concentriamoci su due cibi ricchi di proprietà nutritive che non devono mai mancare sulle nostre tavole.

L’UVA con tutte le sue numerose varietà (uva bianca, uva nera, uva fragola, da tavola o da vendemmia, uva passa) vanta innumerevoli proprietà sfruttate nel settore alimentare, fitoterapico e cosmetico. 100 grammi d’uva fresca apportano circa 61 Kcal: l’acqua costituisce circa l’80%, il contenuto in carboidrati, principalmente fruttosio e glucosio, è intorno al 15%, le fibre costituiscono l’1,5%, le proteine lo 0,5 % ed i grassi solamente lo 0,1 %. L’uva è ricca in sali minerali, in particolare potassio. Tra le vitamine sono presenti la C (6 mg %), la B1, la B2, PP ed A. Per quanto riguarda il consumo alimentare, buona parte dei componenti salutari sono contenuti nella buccia, quindi l’acino andrebbe mangiato intero.
Ricca di polifenoli, flavonoidi, antociani e resveratrolo, sostanze vantano proprietà antiossidanti, di contrasto all’invecchiamento cutaneo e di mantenimento dell’elasticità della parte vascolare. Questo frutto è particolarmente indicato nel trattamento dei problemi connessi alla circolazione venosa (fragilità capillare, emorroidi, insufficienza venosa arti inferiori). È anche indicato nel trattamento della stitichezza, favorisce la diuresi e il reintegro di sali minerali.
A causa della cospicua quantità di zuccheri, il consumo d’uva è sconsigliato ai soggetti diabetici ed in sovrappeso. Inoltre, a causa dell’elevato contenuto in cellulosa della buccia, il suo consumo non è indicato per i bambini al di sotto dei quattro anni e per coloro che presentano difficoltà di digestione.

La ZUCCA s’inserisce tra gli alimenti ipocalorici, apportando solamente 18 Kcal per 100 grammi di prodotto grazie all’elevato contenuto di acqua. I carboidrati ammontano al 3,5%, mentre le proteine, costituiscono solo l’1,1%. I grassi sono pressoché assenti.
È molto ricca di carotenoidi e pro-vitamina A; inoltre, è ricca di minerali, tra cui fosforo, ferro, magnesio e potassio; buono anche il quantitativo di vitamina C e di vitamine del gruppo B. Il notevole quantitativo di fibre ne fa un alleato prezioso per contrastare colite, infiammazioni intestinali, stitichezza, emorroidi.
La polpa di zucca è utile nella prevenzione dalle forme tumorali e nel rafforzamento del sistema immunitario. Espleta buone proprietà diuretiche e digestive ed è utile per la salute di capelli, unghie e pelle (compreso il mantenimento dell’abbronzatura!!!). Alcuni aminoacidi contenuti nella polpa sono capaci di ridurre i livelli di ansia e di stress e di incidere sui disturbi del sonno. Aiuta a combattere le prostatiti e le infezioni batteriche e micotiche.
I semi di zucca contengono cucurbitina, tocoferoli, tocotrienoli, proteine, pectine, oli e modeste quantità di minerali, quali selenio, rame, zinco e manganese. La cucurbitina, in particolare, ha proprietà antielmintiche (efficace contro vermi quali la tenia).
L’olio ricavato dai semi si zucca è ricco di omega3 e fitosteroli, ottimi rimedi naturali per l’iperlipidemia, nella profilassi dell’aterosclerosi e delle patologie cardiovascolari.