Giovedì 29 Ottobre 2020, 06:11

Trattamento ristrutturante alla cheratina Funziona davvero?

Autore: a cura di Fortunata Staiano | Pubblicato Ottobre 2020 in Bellezza e Moda

Autunno è la stagioni in cui è più necessario prendersi cura dei capelli messi a dura prova da sole, sale e cloro. Ma anche agenti atmosferici, inquinamento, styling aggressivi possono danneggiare la chioma e rendere i capelli deboli e sfibrati. A differenza di altri tessuti, come ad esempio la pelle, i capelli però non si rigenerano automaticamente.
Come si può allora riparare, reidratare e dare nuova forza e luce a capelli danneggiati, sensibilizzati e indeboliti? La soluzione ideale è un trattamento rimpolpante, revitalizzante, in grado di nutrire il capello che ha perso corpo e consistenza, conferendogli struttura al tatto, vigore ed elasticità. Tutto questo è possibile grazie alle proprietà riparatrici della cheratina.
Cos’è la cheratina? In natura, la cheratina è uno degli elementi principali che compone la fibra capillare. È una proteina ricca di aminoacidi, in particolare la cisteina, le cui molecole si legano tra loro fino a formare delle catene, dette ponti di solfuro, che rendono elastici e lucenti i capelli. E’ presente naturalmente nell’organismo ed è un elemento fondamentale per capelli e unghie formati da cheratine dure che li rendono resistenti a trattamenti sia fisici che chimici. Il ruolo principale della cheratina è quello di donare forza, resistenza ed elasticità ai capelli mantenendoli morbidi e vitali. Tuttavia, con il passare del tempo o a causa di stress e agenti atmosferici, la cheratina tende a diminuire; per questo, quando i capelli sono particolarmente rovinati, si può ricorrere periodicamente a una ristrutturazione dei capelli a base di cheratina per fortificarli e ripristinare le parti danneggiate.
Nei prodotti per capelli, la cheratina viene ricreata in laboratorio attraverso proteine vegetali (quinoa, germe di grano, lupino, soia tra le più comuni) o derivate dal latte. Esiste con il nome di keratina o cheratina idrolizzata. Quest’ultimo termine indica il fatto che gli aminoacidi utilizzati hanno subito un particolare processo di lavorazione che rende il prodotto finale più simile alla struttura del capello.
Quando la struttura del capello si indebolisce, perde lucentezza, elasticità e resistenza un trattamento ristrutturante alla cheratina può conferire tono, volume e sostegno. Inoltre, la cheratina permette anche di sigillare le doppie punte e levigare la superficie capillare, restituendo una chioma più sana, nutrita e luminosa per diverse settimane.
Ristrutturare o idratare in superficie, quali sono le differenze? Il trattamento ristrutturante alla cheratina si differenzia da prodotti a base di cheratina o di pro-cheratina che si trovano in commercio ma che possono solo idratare in modo superficiale il capello. I prodotti con cheratina utilizzati nei saloni per la ricostruzione del capello a livello professionale invece, è in grado di penetrare nella fibra capillare, rimpolpando i capelli dall’interno e rendendoli più spessi e forti e favorendone la crescita fin da subito perché contengono proteine, amminoacidi, cheratina e acido glicolico, sostanze presenti naturalmente in una chioma sana.
La cheratina contenuta nel trattamento rimpolpante revitalizzante si integra nella struttura del capello legandosi a quella prodotta naturalmente man mano che i capelli ricominciano a crescere. La chioma non solo avrà un aspetto più sano e una nuova lucentezza, ma sarà anche più idratata e quindi meno esposta ai danni di umidità, doppie punte e piastre o phon ad alte temperature.
Capelli sottili - Il trattamento alla cheratina oltre ad essere adatto ai capelli danneggiati, sfibrati e rovinati, è consigliato anche a capelli sottili che hanno bisogno di essere rafforzati: la cheratina li rende, infatti, più spessi e corposi. Sconsigliato invece ai capelli grassi, perché ne aumenterebbe l’untuosità.

Fortuna Staiano
Hair Stylist
Corso Italia, 315 - Piano di Sorrento
Cel. 339.25.91.221