Sabato 15 Dicembre 2018, 10:47

L'argilla e le sue applicazioni

Autore: dott.ssa Rosaria Aprea | Pubblicato Agosto 2017 in Salute

Nel precedente articolo sono state prese in considerazione le pro­prietà generiche della prodigiosa argilla. In questo articolo vedremo le sue applicazioni pratiche a secondo del nostro bisogno.

TRATTAMENTI PER USO ESTERNO
Per uso esterno l’argilla puo’ esse­re usata in diverse forme: cataplasmi e impiastri, polverizzazioni, bagni, un­guenti, maschere e creme. Adoperare argilla a grana grossa per impacchi e cataplasmi di grandi dimensioni men­tre l’argilla a grana fine è piu’ indicata per impacchi e cataplasmi piu’ limitati. Iniziare sempre i trattamenti in modo graduale come tempo di applicazione. Il cataplasma o impacco consiste nell’ap­plicare sul corpo una miscela di argilla e acqua avvolta in un telo di stoffa e po­sizionato sulla parte interessata. L’im­piastro invece viene steso direttamente sulla parte del corpo da trattare. Si usa l’argilla di consistenza grossa, soprat­tutto se la zona è estesa.
Come si prepara: Versare in un con­tenitore di legno o vetro o terracotta, argilla verde fine e aggiungervi acqua oligominerale fino a coprirla. L’argilla deve avere una consistenza cremosa. Si posso aggiungere anche oli essenziali specifici per aumentarne l’efficacia. Se è necessario intiepidire il cataplasma, si riscalda a bagnomaria senno’ va bene a temperatura ambiente. Si lascia in azio­ne sulla parte da mezz’ora a due ore. I cataplasmi tiepidi sono utili in caso di coliche intestinali, cistite e colite ma anche per curare ascessi, ferite, forun­coli.

EFFETTI BENEFICI
Gli impiastri vengono usati, invece, per cellulite e ritenzione idrica, inson­nia. Sono utili nei disturbi della pelle e dell’apparato digerente (dermatiti, piaghe, coliti, ulcere, dissenterie). Non applicare il cataplasma di argilla sulla pancia o reni durante la digestione o mestruazioni. Per il corpo: drena e ras­soda. Vince la ritenzione e flaccidità e combatte anche la cellulite.

MASCHERE PER IL VISO
La maschera consiste nell’applicare sul viso uno strato di argilla o di altro materiale cremoso e lasciato in posa per 15-20 minuti e poi asportarlo con acqua. Si possono applicare maschere purificanti per acne, idratazione, decon­gestionante, anti-age ecc. Durante l’a­sportazione della maschera consente l’eliminazione delle cellule morte dello strato corneo superficiale rendendo la pelle piu’ chiara, sgrassata e pulita. Se­condo le necessità si possono mescola­re all’argilla farina di cereali, yogurt, oli vegetali e oli essenziali.
Come si prepara: Versare in una cio­tola un bicchiere di argilla a grana fine, mezzo bicchiere di acquae un cucchiai­no di yogurt o di olio vegetale (di oliva, jojoba ecc.). Oppure in alternativa si miscela argilla bianca, circa 3 cucchia­ini abbondanti, con un cucchiaino di olio vegetale (mandorle dolci, germe di grano, jojoba) e 4-5 gocce di essenze in base al tipo di pelle Lasciare in posa 5-10 minuti e poi asportarla con acqua tiepida. Applicare con un pennello co­smetico.
In commercio vi sono preparati già pronti all’uso sia per il corpo che per il viso. Dentifrici, saponi e detergenti all’argilla bianca o verde, shampoo, fan­ghi all’argilla ecc. Ovviamente le appli­cazioni dell’argilla sono innumerevoli. Le sue proprietà riequilibranti, antin­fiammatorie e e nutrienti ne fanno un elemento realmente prodigioso per il corpo e la bellezza.