Martedì 18 Dicembre 2018, 16:16

Mal di mouse i rimedi “salva mano”

Autore: dott. Francesco Di Maio | Pubblicato Novembre 2017 in Salute

E' una patologia invalidante che provoca un forte dolore all’articolazione della mano e del polso. In Italia colpisce un lavoratore su 10, per lo più donne in età adulta. Il mal di mouse, più propriamen­te chiamata sindrome di De Quervain, è un’infiamma­zione a carattere cronico che interessa i due tendini che si trovano alla base del pollice (l’abduttore lungo e l’estensore breve) e la guaina di scorrimento che li ricopre.
Nel 50% dei casi questa tendinite sarebbe ge­nerata dai continui movimenti per spostare il mou­se, soprattutto se il gomito non è appoggiato. I sintomi del mal di mouse sono mani gonfie, formi­colio, senso di addormentamento e perdita di sensi­bilità che impedisce di afferrare gli oggetti, scrivere con la penna, girare una chiave e afferrare il mouse. Questa patologia si può prevenire attuando una modifica del proprio comportamento non appe­na si hanno le prime avvisaglie dell’infiamma­zione, in quanto se il problema viene trascurato, il dolore può estendersi anche all’avambraccio. Il primo rimedio da praticare è l’applicazione di ghiac­cio sull’arto in modo da ridurre il gonfiore. Spesso è necessario fa ricorso ad un ciclo di terapia con farmaci anti-infiammatori e l’utilizzo di un tutore, per tenere a riposo il pollice e il polso e permettere la guarigione dell’infiammazione dei tendini.
Fondamentale è la diminuzione dell’attività lavo­rativa o manuale durante le cure. Si consiglia, inoltre, di agire nei primi stadi della sindrome al fine di evi­tare un intervento chirurgico, avvalendosi di terapie strumentali che utilizzano elettromedicali come ul­trasuoni, laserterapia, tecarterapia. La patologia non va trascurata poiché, se non trattata adeguatamente, può evolvere in rizoartrosi (artrosi della base del pol­lice).