Martedì 18 Dicembre 2018, 16:37

Eureka: Usi alternativi del dentifricio

Autore: Stefania Ricciardi | Pubblicato Ottobre 2015 in Sai Perché e Eureka

“Eureka” è una famosa esclamazione pronunciata dall’antico matematico greco Archimede, proferita dopo aver fatto una importantissima scoperta scientifica. La voce verbale “Eureka” significa “ho trovato”.

Per avere unghie pulite, lucide e forti prova a spazzolarle con un po’ di dentifricio e un vecchio spazzolino da denti. Il dentifricio sbiancante rimuove il colorito giallognolo che si crea dopo un ampio uso dello smalto.

Se sei stato punto da un insetto per alleviare il prurito e ridurre il gonfiore basta applicare una minima quantità di dentifricio sulla parte interessata.

Far tornare come nuove le scarpe da ginnastica è un gioco da ragazzi se applichi una piccola quantità di dentifricio. Strofina bene con una spazzola e poi asciuga con un tovagliolo di carta per eliminare i residui.

Aglio, cipolla, pesce possono lasciare sulle mani un odore persistente anche dopo molti lavaggi col sapone. Distribuisci su palmi e dita una bella dose di dentifricio e lascia agire per qualche minuto, dopo eliminate tutto sciacquando con acqua tiepida: il cattivo odore sarà completamente sparito dalle mani.

Se tuo figlio si è divertito a colorare una parete di casa con i pennarelli puoi farla tornare bianca strofinando un panno umido e un po’ di dentifricio. Le macchie spariranno come per magia!

Il dentifricio ha veramente mille risorse! Può persino far sparire le macchie difficili di vino o di sangue. Applica la pasta dentifricia direttamente sulla macchia e strofina con un vecchio spazzolina da denti, quindi lava il capo come di consueto. Attenzione ai dentifrici sbiancanti perché possono avere un effetto candeggiante sui tessuti!

Hai tolto un quadro dal muro e ti manca lo stucco per ricoprire il buco nella parete? Che fare? Non c’è problema! Usa al posto dello stucco della pasta dentifricia bianca.