Domenica 16 Dicembre 2018, 18:09

La piastra danneggia i capelli?

Autore: Fortunata Staiano | Pubblicato Aprile 2017 in Bellezza e Moda

Per proteggersi naturalmente dagli agenti esterni come vento, freddo, caldo, inquinamento, etc, ogni capello è ricoperto da un film protet­tivo esterno. Quando la temperatura della piastra per capelli supera i 180° gradi questo sottilissimo film protettivo viene danneggiato e i capelli diventano secchi, fragili e spenti. Considerando che le moderne piastre per capelli possono superare anche i 230° gradi, si corre il pericolo di ritrovarsi con capelli rovinati, che si spezzano facilmente, per non parlare poi, della proliferazione delle doppie punte.

Come si possono evitare tutti questi problemi? Usando qualche semplice accorgimento.

• Procurarsi una piastra per capelli di ultima generazione. In com­mercio, ne esistono di tanti tipi: in ceramica, in cristalli di giada, con ioni attivi, ma la funzione principale che una piastra deve avere è quella di consentire di poter regolare la temperatura in base al pro­prio tipo di capello. Inoltre, meglio acquistare una piastra di picco­le dimensioni poiché più leggera e quindi maneggevole, sarà più semplice ottenere un ottimo risultato anche sulle punte.

• Prestare attenzione al lavaggio, alla fase che precede la piastra. Usare uno shampoo neutro delicato ed un balsamo per capelli ri­strutturante e nutriente perché capelli ben idratati hanno maggio­re possibilità di resistere al trattamento con la piastra.

• Applicare almeno 1 volta a settimana una maschera ristruttu­rante e nutriente, prima dello shampoo. Prima di passare la piastra applicare un prodotto termoprotettivo sui capelli per preservare il film protettivo del capello e ti facilitarne la stiratura.

• Passare la piastra solo su capelli rigorosamente asciutti e non bagnati in quanto l’eccessivo sbalzo termico li può danneg­giare. Sui capelli bagnati avviene un’evaporazione dell’ac­qua troppo veloce che li disidrata facendoli diventare opachi ed aridi.

• Le ciocche da trattare devono essere larghe non più di 2 centimetri, solo così il risultato sarà curato e soprattutto duraturo. Più veloce sarà il movimento della piastra mino­ri saranno i danni al capello.

• Attenzione a non eccedere con i passaggi della piastra, per i capelli sottili è sufficiente una sola passata, per una ca­pigliatura con capelli più grossi sono necessari dai 2 ai 3 pas­saggi.

• È possibile ritoccare la pettinatura anche tutti i giorni, l’importante è che i ritocchi siano fatti ad una temperatura non superiore gli 80-100 gradi.