Lunedì 10 Dicembre 2018, 00:34

Make-up biologico: perché?

Autore: Vanessa Salzano | Pubblicato Luglio 2015 in Salute

Hai mai letto le etichette dei cosmetici più comuni? Può sembrare una noia, ma vale la pena fare un piccolo sforzo: sì, perché dietro tanti paroloni si nascondono sostanze che alle industrie costano poco ma che fanno davvero male alla pelle! Sono parabeni, metalli pesanti, derivati del petrolio che equivalgono a mettersi una patina di plastica su viso e corpo.
“Proprio come per l’alimentazione bisognerebbe porre attenzione all’acquisto dei prodotti per la cura del corpo e per il make up – avverte Michele Del Vecchio, Specialista in Dermatologia ad HEALTH PARK, Andrea Grimaldi Group – perché se è vero che siamo quel che mangiamo è anche vero che la nostra pelle assorbe le sostanze che vi applichiamo e si nutre di esse”.

Quali sono le sostanze a cui stare attenti leggendo le etichette?
“Siliconi, petrolati e parabeni sono fra i più comuni ma – risponde il dott. Del Vecchio – sono spesso presenti anche formaldeide, quaternium 15, MEA-TEA-DEA e Kathon CG: altamente inquinanti, occlusive dei pori della pelle e spesso irritanti se non cancerogene”.
Il problema è che queste sostanze non sono menzionate sulle etichette con lo stesso nome che ci presenta il dermatologo ma si nascondono dietro i loro complicati nomi originali e la normativa ancora non è ben definita in merito.

...E LE ALTERNATIVE?
I cosmetici minerali: particolarmente indicato per chi ha una pelle sensibile o grassa è il fondotinta minerale, gli ombretti sono ben pigmentati e i blush sono perfetti per chi desidera un tocco di colore senza esagerare. Molte aziende stanno provvedendo a creare una propria linea ‘eco e biologica’ ma ci sono anche aziende specializzate unicamente in linee ‘verdi’, che mettono in commercio solo prodotti eco-compatibili. La cosa migliore – conclude il Dermatologo – è andare in negozi specializzati perché solitamente si trova personale aggiornato e sensibile a queste problematiche.