Domenica 16 Dicembre 2018, 09:43

Bon Ton in auto

Autore: Pietro Aiello Cilento D'Altavilla | Pubblicato Giugno 2018 in Cultura

Forse non tutti lo sanno, ma esisto­no delle precise regole di bon ton in auto: alcune sono disciplinate dal ga­lateo, mentre altre sono dei semplici con­sigli legati al buon senso e al …. Codice della strada. Alcune di queste indicazio­ni potranno sembrare eccessive o obsole­te, ma la maggior parte di queste regole di bon ton in auto saranno utilissime per evitare che la persona, una volta messa alla guida, si “trasformi”, cosa che pur­troppo accade un po’ troppo spesso.
Quindi a parte le classiche rego­le: quando si guida non si parla al te­lefono e non ci si trucca, dare sempre la precedenza ai pedoni, usare il clacson nei momenti opportuni e non per salutare o richiamare l’attenzione di qualcuno, di non parcheggiare al posto dei disabili, quando si è in fila non bisogna fissare chi è all’interno dell’abitacolo della vettura accanto; il clacson andrebbe usato solo quando necessario e anche lampeggiare con i fari quando non serve non rientra nel bon ton in auto. Tutto ciò è chiaro, mi direte che lo sapete già, ma di seguito vi dirò altro che non tutti sanno soprattutto quando non si è in macchina da soli e si vuole seguire il vero galateo….

GLI OSPITI IN MACCHINA
Quando bisogna far salire gli ospiti in macchina, prima di tutto bisogna aprire lo sportello alla persona di maggior ri­guardo. Secondo il bon ton in auto, nes­suna donna dovrebbe mai toccare le ma­niglie degli sportelli. Gli uomini quindi saliranno sulla vettura solo dopo che tutte le donne si sono sistemante e queste, se si accomodano nei sedili posteriori, non devono scorrere per fare posto all’uomo, che invece dovrà fare il giro e monterà dall’altra portiera. Secondo il bon ton, il posto di riguardo in un’auto privata è quello accanto al guidato­re (non nelle macchine pubbliche o con auti­sta: in questo caso il passeggero più importan­te verrà fatto accomodare nel sedile posteriore a destra.Se nel sedile posteriore si devono ac­comodare tre persone, il posto più scomodo (ovvero quello centrale) spetta al passeg­gero più giovane.

IL RISPETTO PER I PASSEGGERI
Prima di aprire un finestrino o accendere l’aria condizionata bisogna chiedere ai pas­seggeri; allo stesso modo il volume della radio e del riscaldamento devono essere regolati in base ai desideri di tutti i presenti. Al momen­to della discesa, il guidatore deve scendere per primo, fare il giro passando dietro la mac­china e aprire lo sportello all’ospite di riguardo e alle signore.Quando il guidatore passa a pren­dere una persona, dovrebbe sempre scendere per salutarla.
Quando si riaccompagna una donna a casa bisogna posteggiare l’auto e riac­compagnarla al portone di casa e non farla scendere e ripartire subito …
Se si deve affrontare un viaggio, biso­gna comunicare con il giusto preavviso ai passeggeri il numero massimo di baga­gli che possono essere portati in macchina, e ogni “ospite” cercherà di ridurre il suo carico al minimo indispensabile per non rubare lo spa­zio ai bagagli degli altri o dare disturbo ai pas­seggeri.
Quindi… Buon Viaggio a tutti!!