Giovedì 18 Ottobre 2018, 02:42

Caro amico ti scrivo

Autore: Pietro Aiello Cilento D'Altavilla | Pubblicato Ottobre 2018 in Cultura

L’altro giorno incontro un caro amico che, inviperito e scontento per fatti personali mi dice: “Basta! Ora scrivo al Papa… al Presidente della Repubblica…” Lo spunto per il mio pensiero di questo mese è nato da questo incontro, ma nel caso dovessimo relazionarci con tali personaggi importanti e a volte irraggiungibili ai più come chiamarli o come scrivere loro un lette­ra? Senza sentirci in difficoltà oppure in imbarazzo per­ché in dubbio sul come appellarlo.
Poter mettere “Egregio signore…” per ogni oc­casione non è la soluzione ad ogni problema, ogni figura sociale di spicco ha un titolo ben definito e poiché al giorno d’oggi non se ne sente tanto parlare è bene rin­frescarci un po’ le idee per poter essere pronti e all’oc­correnza, non essere spiazzati e fare un’ottima figura.
Di seguito una guida:
Ambasciatori: Eccellenza
Cardinali: Signor Cardinale, Eminenza Reverendissi­ma
Deputati: Onorevole (On.le)
Ministri: Signor Ministro (se è donna: Signora Ministro)
Papa: Santità, Santo Padre
Presidente della Repubblica: Signor Presidente
Principe e Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta: Altezza Eminentissima
Reali: Altezza (Altezza Reale/Serenissima…)
Vescovo/Arcivescovo: Eccellenza Reverendissima

Attenzione i titoli nobiliari sono enunciati solo ai ti­tolati come principe, duca, marchese etc. solo a coloro che nel loro paese d’origine hanno valore; ad es. Gran Bretagna, Spagna etc. Se la personalità possiede più titoli si usa solo il titolo più alto.
Quindi concludo e spero di aver proferito per giusta riflessione e saluto cordialmente…