Domenica 08 Dicembre 2019, 07:35

Paccheri con pomodorini e fresella croccante

Autore: a cura di S.R. | Pubblicato Settembre 2019 in Cucina

Fresella, ma anche frisa, frisella, tanti i nomi attribuiti al pane biscottato tipico della cucina del sud che si usa gustare ammorbidito con acqua e condito in modo semplice. Una pietanza rustica e genuina che ha ispirato una ricetta semplice dove le tradizionali fette di pane bruschettato si trasformano in un condimento accattivante e aromatico. Dai sapori mediterranei, fresco e appetitoso, la pasta con pmodorini e freselle è nato per caso ed è diventato subito un grandissimo successo. Questo piatto rustico dal gusto delicato e intenso è perfetto da gustare per salutare questa calda estate che in questo mese di settembre lascia il posto alla prossima stagione autunnale.
Ingredienti per 4 persone:
400 gr di pasta secca trafilata al bronzo, 300 gr di pomodorini ciliegia, 1 fresella grande, 1 spicchio di aglio, origano, timo, sale, olio d’oliva extravergine d’oliva, un pizzico di zucchero.
Preparazione
Lavare ed asciugare i pomodorini, tagliarli a metà. Foderare una teglia con carta forno leggermente inumidita, posizionare i pomodorini, appoggiandoli con la parte tagliata verso l’alto. In una ciotola preparare le erbe, mettere l’origano ed il timo e mescolare bene. Spolverizzare i pomodori con lo zucchero e il sale e profumarli con le erbe. Irrorare il tutto con l’olio extravergine d’oliva. Infornare a 160° e far cuocere per un’ora circa o fino a che non avranno perso tutta l’acqua, così da renderli esternamente leggermente appassiti e dal cuore morbido ed umido. Ridurre in briciole la frisella. Pulire l’aglio e cuocere la pasta in abbondante acqua bollente. In una padella far soffriggere a fuoco dolce la fresella sbriciolata con lo spicchio di aglio e l’olio extravergine d’oliva. Sfornare i pomodorini, scolare la pasta condirla con la fresella sfritta (togliete l’aglio). Unire i pomodorini, girare velocemente e delicatamente. Impiattare e irrorare ancora con un filo di olio extravergine (se necessario). Servire.