Martedì 18 Maggio 2021, 09:50

Stanchezza primaverile. Come affrontarla con rimedi naturali

Autore: a cura della dott.ssa Rosaria Aprea | Pubblicato Aprile 2021 in Salute

Con il termine stanchezza o astenia primaverile ci si riferisce a quello stato di fatica e stanchezza, il bisogno anche di dormire di più, a volte una pigrizia fisica che contrasta con il bisogno di rinnovamento interiore che si avverte in questa stagione. Queste sensazioni naturali non devono allarmare assolutamente.
La primavera è un periodo in cui la natura si risveglia, dopo mesi di torpore invernale. Tutto intorno a noi ci testimonia che anche la natura torna a risvegliarsi: alberi, animali in letargo, il seme che riposa sotto la terra in attesa di germogliare.
Attivarsi dopo un periodo di rallentamento richiede un notevole sforzo ad ogni organismo sia animale che vegetale e questo vale anche per noi esseri umani. I rimedi naturali possono dare un notevole contributo per sostenerci e aiutarci a rifiorire nelle giornate che preludono alla bella stagione.
Cosa fare? Iniziamo con
una alimentazione leggera e depurante
E’ importante alleggerire il carico tossinico privilegiando un’alimentazione che contenga molte verdure e frutta di stagione. In questo modo si porta il PH dell’organismo verso la basicità, evitando l’acidità che crea infiammazione.
La primavera è anche la stagione della disintossicazione, che serve a rigenerare il fegato appesantito da un’alimentazione invernale troppo ricca di grassi e cibi elaborati. Per effetto anche delle restrizioni per la pandemia da Covid 19, la nostra salute è veramente a rischio. Correggere l’alimentazione in questa stagione è essenziale.
Bere molta acqua soprattutto fuori dai pasti, scegliere alimenti ricchi di Vitamina C (agrumi, fragole, kiwi, prezzemolo fresco) e di magnesio (cereali integrali, legumi, verdura a foglia verde, frutta secca, semi oleosi).
Un eccellente rimedio può essere quello di bere ogni mattina a digiuno un bicchiere di acqua con il succo di mezzo limone spremuto al momento. Se si aggiunge anche un pizzico di bicarbonato di sodio l’effetto alcalinizzante è maggiorato.
Un ottimo rimedio naturale
ci viene anche dalle piante
Aiuta a ripristinare l’equilibrio - Un ottimo rimedio naturale è costituito da un preparato a base di soluzione idroalcolica di clorofilla che aiuta la resistenza del corpo e l’utilizzazione degli zuccheri, buona anche dopo malattie infettive e lunghe debilitazioni. Ottimo anche per gli anemici. La clorofilla ha anche funzione depuratrice del fegato. Si può assumere 10 minuti prima di colazione e pranzo.
Eleuterococco: Chiamato anche GINSENG SIBERIANO (ha il vantaggio di non presentare gli effetti colleterali che può avere il ginseng) ha azione tonica e antistress. Ottimo per sintomi di astenia sia fisica e sessuale che psichica e intellettiva, per i ragazzi che studiano e fanno sport e si sentono spossati in questo periodo, per gli studenti in preparazione per gli esami. Si usa come tintura madre da assumere in gocce 10 minuti prima di colazione.
Integratori alimentari: magnesio
Tra gli integratori di minerali, il magnesio è il più adatto a contrastare l’astenia di primavera. Il magnesio è un nutriente fondamentale, che aiuta a produrre energia indispensabile all’organismo. La sua azione è molto ampia:
Favorisce il metabolismo degli zuccheri, delle proteine, dei grassi e dei carboidrati; è un ottimo cardio-protettore; contrasta le allergie; riduce le infiammazioni; stimola la formazione degli anticorpi.
La sua azione agisce direttamente sul fisico.
Da non sottovalutare anche gli oligoelementi: RAME-ORO-ARGENTO, per astenia fisica e mentale.
Avvalersi anche della Riflessologia Plantare (si va a stimolare i punti riflessi di: reni, fegato, surrenali, sistema linfatico, diaframma respiratorio e plesso solare e altri puniti che il terapeuta valuterà), Digitopressione, Fiori di Bach (Olive, Elm, Wilde Rose).

Dott.ssa Rosaria Aprea
Naturopata
Tel. 339.54.25.327