Domenica 26 Gennaio 2020, 09:14

Sai perché ... le costruzioni romane durano più di quelle moderne?

Pubblicato Gennaio 2020 in Sai Perché e Eureka

A distanza di duemila anni molte infrastrutture costruite dai romani sono ancora in piedi. Cosa le rende tanto durature? Il segreto è nella preparazione del cemento utilizzato dai romani: un mix di cenere vulcanica, calce (ossido di calcio), acqua di mare e grumi di roccia vulcanica in proporzioni precise. Elementi semplici, ma opportunamente amalgamati che andavano a formare un calcestruzzo che con il passare del tempo diventava sempre più resistente. La moderna ricerca scientifica ha permesso di capire che la forza di quel calcestruzzo deriva dalla reazione dell’acqua di mare con il materiale vulcanico, che dà origine a nuovi minerali che lo rinforzano. Il calcestruzzo moderno non ha le stesse caratteristiche e ritornare al calcestruzzo romano non è possibile, almeno per il momento, perché non si è ancora scoperta la ricetta originale con le “dosi” precise da miscelare. Si spera che con il tempo gli studiosi riescano a comprendere quali siano le proporzioni giuste dei vari elementi da miscelare per ottenere un calcestruzzo con le stesse caratteristiche di quello romano.