Martedì 11 Dicembre 2018, 13:09

Sai perché si dice 'stare a cavallo'?

Pubblicato Maggio 2017 in Sai Perché e Eureka

Quest’espressione si riferisce al conseguire quanto si è desiderato dopo molte difficoltà; risolvere un problema o uscire da una situazione critica con pieno suc­cesso; arrivare finalmente a trovarsi in una posizione sicura, non avere più preoc­cupazioni. Il detto trae origine dagli usi dell’antica Roma, dove poteva appartenere alle forze di cavalleria solo chi poteva permettersi di possedere, mantenere e ad­destrare a sue spese un cavallo da guerra, il che restringeva non poco la cerchia degli aspiranti. Inoltre, i cavalieri godevano di bottini di guerra più ricchi di quelli dei fanti, e quindi molti investivano tutti i loro averi in quel bene costoso che era il ca­vallo, sicuri che a guerra finita il riscontro economico li avrebbe ripagati delle spese sostenute. L’essere a cavallo era di conseguenza indicativo di floride prospettive economiche conquistate però con sacrificio.